37 CONDIVISIONI

Da questo sito puoi mandare un messaggio in bottiglia verso Giove, ci pensa la Nasa a portarlo

Da anni l’agenzia spaziale invia capsule del tempo destinate a comunicare la storia del nostro mondo alle forme di vita che vivono fuori dalla Terra. Per spedire il proprio nome nello spazio basta compilare un form sulla pagina ufficiale.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Elisabetta Rosso
37 CONDIVISIONI
Immagine

Tradizione vuole che Teofrasto, filosofo greco, nel 310 a.C per primo scrivesse un messaggio e lo infilasse dentro una bottiglia. Per secoli Sos, poesie d'amore, notizie false inviate dalle spie nemiche, hanno galleggiato in mare aperto. Ora si guarda allo spazio. Il progetto della Nasa, che non a caso di chiama "Message in a Bottle", permetterà a chiunque di inviare i propri nomi a milioni di chilometri nello spazio. Viaggeranno sulla navicella Europa Clipper, il lancio è previsto per ottobre 2024 e raggiungerà l'orbita di Giove nel 2030. Per questo è fondamentale inviare i messaggi entro dicembre 2023. L'obiettivo della missione è capire se l'oceano sotto la crosta ghiacciata di Europa può ospitare la vita. Europa è una luna di Giove ed è stata scoperta insieme a Io, Ganimede e Callisto nel 1610 da Galileo Galieli.

La sua superficie è ricoperta di ghiaccio, eppure gli scienziati credono che sotto la crosta ci sia un vasto oceano liquido e l’attività chimica sottomarina potrebbe produrre le condizioni necessarie per sostenere gli organismi viventi. Non è la prima volta per la NASA, da anni infatti invia messaggi e opere d'arte nello spazio. "Sono capsule del tempo, destinate a comunicare la storia del nostro mondo agli extraterrestri”, ha spiegato l'agenzia spaziale. Per esempio i fonografi placcati d'oro spediti sulla navicella Voyager negli anni '70. I dischi contenevano immagini, suoni, musica e saluti in 55 lingue.

Come inviare il proprio nome

Europa Clipper sarà il veicolo spaziale più imponente della Nasa, alto 5 metri, con i pannelli solari e le antenne radar completamente dispiegati raggiungerà i 30 metri. Nel 2030 effettuerà dozzine di sorvoli per studiare la superficie della luna di Giove e mappare la composizione e la geologia del guscio di ghiaccio alla ricerca di vapore acqueo. I nomi dei partecipanti saranno stampati su un microchip delle dimensioni di una monetina con scrittura microscopica, e attaccati a una piastra di metallo che verrà trasportata da Europa Clipper.

"Unisciti alla missione e fai incidere il tuo nome sulla navicella spaziale della NASA mentre percorre 1,8 miliardi di miglia per esplorare Europa, un mondo oceanico che potrebbe ospitare la vita. Firma oggi stesso il tuo nome", scrive la Nasa sulla pagina dedicata a Europa Clipper. Per farlo basta compilare un form inserendo nome, cognome, mail, il Paese in cui si abita, e premere invia.

La poesia che viaggerà su Europa Clipper

La navicella spaziale trasporterà anche una poesia di Ada Limón, intitolata "Elogio del mistero: una poesia per Europa". Il testo è stato presentato alla Biblioteca del Congresso a inizio 2023, ed è una riflessione sulla meraviglia della natura e sulla curiosità che unisce gli esseri umani mentre guardano i “piccoli mondi invisibili”. "Scrivere questa poesia è stato uno dei più grandi onori della mia vita, e anche uno dei compiti più difficili. Quando la NASA mi ha contattato e mi ha chiesto se volevo scrivere una poesia, mi sono emozionata e ho detto di sì. Poi abbiamo riattaccato e ho pensato: ‘Come farò?", ha detto Limón. “Alla fine ho deciso di fare un elogio alla Terra di guardare all'esterno senza dimenticare da dove veniamo".

37 CONDIVISIONI
Psyche, il lancio della sonda NASA verso l’asteroide ricco di metalli
Psyche, il lancio della sonda NASA verso l’asteroide ricco di metalli
Cosa aspettarsi dall'evento Apple del 12 settembre: l'iPhone 15, gli Apple Watch e non solo
Cosa aspettarsi dall'evento Apple del 12 settembre: l'iPhone 15, gli Apple Watch e non solo
Perché la polizia del Regno Unito sta usando sempre più droni per le sue operazioni
Perché la polizia del Regno Unito sta usando sempre più droni per le sue operazioni
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni