video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Cosa sono le bombe intelligenti che hanno colpito il centro trasfusionale in Ucraina

Sono progettatte per colpire con precisione un bersaglio, in modo da ridurre i danni collateriali, quando vengono sganciate dagli aerei le bombe si trasformano in alianti capaci di orientarsi in modo indipendente.
A cura di Elisabetta Rosso
1 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

L'idea alla base di una bomba è semplicissima. Una grande quantità di materiale esplosivo viene chiuso dentro un contenitore robusto con un meccanismo di spoletta. C'è poi un dispositivo di attivazione, un sistema di ritardo, e un sensore di impatto. Basta premere, la spoletta accende il materiale esplosivo ed ecco l'esplosione. Questa è una bomba stupida.

Cominciano a essere chiamate così quando sul mercato arrivano le altre bombe, le guided, quelle inteligenti, capaci di controllare la caduta e colpire un bersaglio ben preciso. Prima si schiantavano semplicemente a terra, e per colpire qualcosa di specifico era necessario lanciarne centinaia. Con le intelligenti ne basta una. E la sera del 5 agosto una di queste bombe ha colpito Kupiansk, città sul confine russo nella regione di Kharkiv. Ha distrutto un centro trasfusionale, due uomini sono stati uccisi, quattro invece feriti. Volodymyr Zelensky ha scritto su Twitter: "Questo crimine di guerra da solo dice tutto sull'aggressione russa. Bestie che distruggono tutto ciò che semplicemente permette di vivere".

Il capo dell'amministrazione militare regionale Oleg Syniehubov, ha dichiarato: "I russi hanno colpito con una bomba aerea guidata un edificio non residenziale nel villaggio di Kruglyakivka, nel distretto di Kupyansk, e si è sviluppato un vasto incendio". Capiamo come funzionano le bombe intelligenti, chiamate anche aeree guidate, e perché sono importanti nel conflitto tra Russia e Ucraina.

Cosa sono le bomba intelligenti

I dispositivi sono bombe aeronautiche progettatte per colpire con precisione un bersaglio in modo da ridurre i danni collateriali, nel gergo militare si intende gli effetti non voluti in prossimità degli obiettivi da colpire. Vengono anche chiamate dagli anglosassoni GBU (iniziali di guided bomb unit) e fanno parte della famiglia delle precision-guided munition (PGM). Le bombe intelligenti hanno un sistema di guida monitorato e sono controllate da un dispositivo esterno. I tedeschi per primi cominciarono a usare le munizioni guidate di precisione (PGM) sul campo di battaglia, utilizzarono la guida MCLOS da 1.400 kg Fritz X per attaccare la corazzata italiana a Roma nel settembre 1943.

Come funzionano i dispositivi guidati

Quando vengono sganciate dagli aerei le bombe intelligenti si trasformano in alianti. Non hanno un sistema di propulsione, come per esempio i missili, utilizzano le pinne di volo che generano portanza e stabilizzano la sua traiettoria. In questo modo il sistema di controllo e le alette regolabili danno alla bomba la possibilità di orientarsi in modo indipendente.

Infatti durante la caduta i sensori tracciano il bersaglio designato a terra, rilevano la posizione e poi il sistema di controllo calcola come la bomba dovrebbe girare per dirigersi verso il bersaglio. A questo punto viene inviato un messaggio, regolate le alette in volo (funzionano esattamente come quelle di un aeroplano), e la bomba intelligente colpisce in modo preciso l'obiettivo.

Perché i russi hanno lanciato la bomba a Kupiansk

La bomba intelligente è arrivata dopo l'attacco alla petroliera russa nello stretto di Kerch. I servizi militari ucraini hanno intercettato la nave russa vicino al Ponte di Crimea con un drone carico di 450 chili di tritolo. I media russi hanno subito diffuso la notizia delle esplosioni, accusato Kiev e minacciato una vendetta immediata.

“Condanniamo fermamente l'attacco terroristico a una nave civile, che ha minacciato non solo il suo equipaggio, ma anche un disastro ambientale su larga scala. Non ci può essere giustificazione per tali azioni barbare, non rimarranno senza risposta e i loro autori saranno inevitabilmente puniti” ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova.

1 CONDIVISIONI
4348 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views