23 Giugno 2022
15:27

Le dune fossili di Abu Dhabi, l’incredibile paesaggio glaciale creato dal cambiamento climatico

Formate da cicli di ere glaciali e disgeli avvenuti tra 200.000 e 7.000 anni fa, si sarebbero accumulate quando la sabbia soffiava dal Golfo Persico.
A cura di Valeria Aiello

Formate da cicli di ere glaciali e disgeli avvenuti tra 200.000 e 7.000 anni fa, quando si sarebbero accumulate quando la sabbia soffiava dal Golfo Persico.
le dune fossili di Abu Dhabi, a circa mezz’ora a sud-est dalla città, sono una delle attrazioni più insolite ed eleganti di Al Wathba, create nel corso di decine di migliaia di anni da forze elementari che, sebbene fossero in gioco millenni fa, offrono informazioni su come l’attuale crisi climatica può cambiare il nostro mondo. Le dune fossili di Abu Dhabi si innalzano dal deserto “come onde ghiacciate in un oceano violento fatto di sabbia solida, i cui lati si increspano con forme definite da venti impetuosi” dice Barry Neild su CNN travel, che ha incontrato Thomas Steuber, professore presso il Dipartimento di Scienze della Terra della Khalifa University of Science and Technology di Abu Dhabi, per raccontare la loro storia.

Un paesaggio dell'era glaciale nel deserto di Abu Dhabi

Queste sculture naturali, distinte e astratte, sono hanno “una storia piuttosto complessa” ha premesso Steuber, spiegando che generazioni di dune sono state create da cicli di ere glaciali e disgeli avvenuti tra 200.000 e 7.000 anni fa. Il livello dell’oceano è diminuito quando l’acqua ghiacciata è aumentata nelle calotte polari e, durante questi periodi più secchi, le dune si sarebbero accumulate quando la sabbia soffiava dal Golfo Persico. Quando il ghiaccio si è sciolto, portando a un ambiente più umido, si è formata la falda freatica in quella che oggi è Abu Dhabi, e l’umidità ha reagito con il carbonato di calcio nella sabbia per stabilizzarla e quindi formare una specie di cemento, che è stato successivamente montato in forme eteree dai venti dominanti. “Il Golfo Persico è un piccolo bacino molto poco profondo – ha spiegato Steuber – . È profondo solo circa 120 metri, quindi al culmine dell’era glaciale, circa 20.000 anni fa, c’era così tanto accumulato sulle calotte polari che l’acqua mancava dall’oceano. Ciò significava che il Golfo era asciutto ed era il fonte di materiale per le dune fossili”.

Steuber ha precisato che le dune fossili, che si trovano in tutti gli Emirati Arabi Uniti e si possono trovare anche in India, Arabia Saudita e Bahamas, hanno probabilmente impiegato migliaia di anni per formarsi. Ma, nonostante la protezione ufficiale ora offerta ad Abu Dhab dall’Agenzia per l’ambiente dell’Emirato, per preservarle all’interno di un’area protetta, l’erosione che ha dato a ciascuna la sua forma unica alla fine porterà anche alla loro scomparsa. “Alcune di loro sono piuttosto massicce, ma alla fine il vento e distruggerà. Sono essenzialmente rocce, ma a volte puoi romperle con le mani. È un materiale piuttosto debole”. Ecco perché, ad Al Wathba, i visitatori sono ora tenuti a una certa distanza dalle dune, sebbene ancora abbastanza vicini da poterne apprezzare la loro sorprendente bellezza.

Quattro app per combattere i cambiamenti climatici
Quattro app per combattere i cambiamenti climatici
Un preoccupante segnale del cambiamento climatico riguarda il ciclo dell’acqua
Un preoccupante segnale del cambiamento climatico riguarda il ciclo dell’acqua
Ora sappiamo come il cambiamento climatico causerà la prossima pandemia
Ora sappiamo come il cambiamento climatico causerà la prossima pandemia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni