686 CONDIVISIONI
4 Maggio 2022
16:12

Il fumo regolare di erba aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

Le persone che fumano cannabis più di una volta al mese hanno un rischio maggiore di malattie cardiache e infarto.
A cura di Valeria Aiello
686 CONDIVISIONI

Fumare fa male, ma le persone che fumano cannabis più di una volta al mese hanno un rischio maggiore di malattie cardiache e infarto. Lo rileva un nuovo studio che ha anche identificato un meccanismo e una molecola che possono contrastare il rischio cardiovascolare.

La nuova ricerca, pubblicata in un articolo sulla rivista Cell, fa luce sui collegamenti tra il fumo di cannabis e la cattiva salute del cuore, mostrando meccanismi alla base della relazione, oltre ad analizzare i dati di un campione di mezzo milione di persone. “La marijuana ha un effetto significativamente negativo sul sistema cardiovascolare – dice il biologo Mark Chandy della Stanford University – . Man mano che sempre più stati legalizzano l’uso di marijuana, mi aspetto di vedere un aumento di attacchi di cuore e ictus nei prossimi anni”.

In ulteriori test sui topi, lo studio ha anche scoperto che il tetraidrocannabinolo (THC), il componente psicoattivo dell'erba, porta sia all’infiammazione delle cellule endoteliali che rivestono linterno dei vasi sanguigni, sia all’aterosclerosi (indurimento o ispessimento delle arterie). “I nostri studi su cellule e topi umani delineano chiaramente come l’esposizione al THC avvii una dannosa cascata molecolare nei vasi sanguigni. Non è un farmaco benigno” spiega Chandy.

Fumare erba aumenta la probabilità di subire un infarto

L’analisi ha preso in esame i dati di 500.000 partecipanti al progetto UK Biobank, di cui circa 11.000 fumavano erba più di una volta al mese, la cui probabilità di subire un infarto è risultata significativamente maggiore rispetto ai non consumatori di cannabis di avere un infarto, dopo aver controllato altri fattori tra cui età, indice di massa corporea e sesso.

I ricercatori hanno anche scoperto che i fumatori frequenti di marijuana avevano maggiori probabilità rispetto ai non consumatori di avere il loro primo infarto prima dei 50 anni, un evento medico insolito chiamato infarto prematuro che aumenta il rischio per tutta la vita di una persona di successivi infarti, insufficienza cardiaca e aritmie minacciose che possono causare morte improvvisa. Questi attacchi cardiaci prematuri possono aumentare il rischio di futuri attacchi di cuore e altri problemi cardiovascolari.

I ricercatori hanno però scoperto che l’infiammazione e l’aterosclerosi possono essere bloccate da una piccola molecola chiamata genisteina che si trova naturalmente nella soia e nelle fave. Poiché la genisteina ha una penetrazione cerebrale limitata, non inibisce la capacità del THC di stimolare l’appetito, il dolore sordo e reprimere la nausea, caratteristiche vitali per i consumatori di marijuana medicinale.

Non abbiamo visto alcun blocco dei normali effetti antidolorifici o sedativi del THC nei topi che contribuiscono alle proprietà medicinali potenzialmente utili della marijuana – ha spiegato Chandy – . Quindi la genisteina è potenzialmente un farmaco più sicuro rispetto ai precedenti antagonisti CB1. È già usato come integratore alimentare e il 99% rimane fuori dal cervello, quindi non dovrebbe causare questi particolari effetti collaterali negativi”.

I ricercatori sperano di condurre studi clinici per scoprire se la genisteina può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari nei consumatori di marijuana. Vorrebbero anche estendere i loro studi per includere il CBD, un altro cannabinoide della marijuana che non ha gli effetti psicoattivi del THC.

686 CONDIVISIONI
I sintomi cardiovascolari del Long Covid sono una nuova malattia: cos'è la sindrome PASC
I sintomi cardiovascolari del Long Covid sono una nuova malattia: cos'è la sindrome PASC
Anche bere alcolici con “moderazione” aumenta il rischio di problemi cardiovascolari
Anche bere alcolici con “moderazione” aumenta il rischio di problemi cardiovascolari
Maneggiare il pollo prima di cuocerlo senza lavare mani e lavello aumenta il rischio di malattie
Maneggiare il pollo prima di cuocerlo senza lavare mani e lavello aumenta il rischio di malattie
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni