Covid 19
28 Gennaio 2022
9:22

I vaccini Covid restano efficaci anche contro Omicron 2: dati positivi dal Regno Unito

I vaccini anti Covid non perdono di efficacia contro l’infezione sintomatica provocata da Omicron 2, dimostrandosi persino più protettivi rispetto a Omicron.
A cura di Andrea Centini
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I vaccini anti Covid sono molto efficaci contro la sottovariante BA.2 della variante Omicron (B.1.1.529) del coronavirus SARS-CoV-2, soprannominata “Omicron 2”. Il dato è stato pubblicato nell'ultimo bollettino sulla campagna vaccinale nel Regno Unito, il “COVID-19 vaccine surveillance report” pubblicato dalla UK Health Security Agency. L'efficacia dei vaccini è risultata addirittura maggiore di diversi punti percentuali rispetto a quella rilevata contro il ceppo originale della Omicron (BA.1), dal quale quale sono generate diverse sottovarianti figlie. Fra esse la BA.2 è ritenuta quella di maggior interesse sanitario poiché ha soppiantato la prima in alcuni Paesi – come in Danimarca – e in altri sta prendendo il sopravvento, verosimilmente a causa di alcune mutazioni che le conferiscono ulteriori vantaggi nella trasmissibilità.

Grazie al sequenziamento genomico i ricercatori britannici avevano osservato un aumento dei casi di Omicron 2 a partire dal 3 gennaio, così hanno deciso di fare un confronto dell'efficacia dei vaccini anti COVID contro la forma sintomatica dell'infezione provocata dalla Omicron 2 e dalla Omicron originale. Il periodo preso in esame è stato di circa un mese, dal 27 dicembre 2021 al 21 gennaio 2022. Incrociando tutti i dati è emerso che, a 25 settimane o più dal completamento del ciclo vaccinale di base (due dosi), l'efficacia era del 9 percento (7 – 10 percento) contro la BA.1 e del 13 percento (26 – 40 percento) contro la BA.2. Dopo due settimane dalla terza dose (richiamo o booster), il periodo di tempo necessario affinché il sistema immunitario determini la massima protezione, l'efficacia è risultata essere del 63 percento (63 – 64 percento) contro il ceppo originale della Omicron e del 70 percento (58 – 79 percento) contro Omicron 2. Questi dati suggeriscono una protezione simile, ma leggermente migliore contro BA.2.

Si tratta di un'ottima notizia poiché la scalata di Omicron 2 in Danimarca e altrove suggeriva che la sottovariante potesse rappresentare un problema nella gestione della pandemia, essendo verosimilmente più trasmissibile di BA.1 (già oltre 5 volte più contagiosa della variante Delta). Del resto erano state rilevate diverse differenze significative nelle mutazioni – Omicron 2 ne ha sei in più sulla proteina S o Spike rispetto a BA.1-, facendo immaginare che potessero esserci conseguenze anche sotto il profilo dell'elusività agli anticorpi neutralizzanti. Fortunatamente non è così, come evidenziato dai dati appena diffusi dal Regno Unito. In questo momento l'ultima ondata della pandemia si trova in fase calante in diversi Paesi (Italia compresa) e si ritiene che possa essere l'ultima prima del passaggio alla fase di endemia, con un definitivo ritorno alla “normalità” prepandemica legata però alla convivenza col virus.

31851 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni