1.962 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Gennaio 2022
20:13

I non vaccinati con Covid rischiano 5 volte di più la sindrome Guillain-Barré dei vaccinati positivi

Chi non si vaccina contro il coronavirus e viene infettato ha un rischio 5 volte superiore dei vaccinati positivi di contrarre la sindrome di Guillain-Barré.
A cura di Andrea Centini
1.962 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I non vaccinati contro il coronavirus SARS-CoV-2 che contraggono la COVID-19 hanno un rischio cinque volte superiore di sviluppare la sindrome di Guillain-Barré rispetto ai vaccinati che risultano positivi. La sindrome di Guillain-Barré, nota anche come paralisi di Landry, è la forma più frequente di polineuropatia acquisita legata alla demielinizzazione, come specifica l'Istituto Humanitas. Si manifesta con paralisi a livello facciale e orofaringeo , debolezza muscolare, formicolio / paralisi agli arti inferiori e superiori e altri sintomi; in una piccola percentuale di casi (5-10 percento) può scatenarsi un'insufficienza respiratoria ed è necessario intubare i pazienti per la ventilazione meccanica.

A determinare che la sindrome di Guillain-Barré è molto più probabile nei non vaccinati positivi al coronavirus SARS-CoV-2 che nei vaccinati contagiati sono stati due team di ricerca dell'organizzazione Epic Research. Gli scienziati, coordinati dai dottori Jeff Trinkl, Joe Deckert, Nikki Carrico ed Eric Barkley, hanno analizzato i dati provenienti dal database sanitario Cosmos, che abbraccia le cartelle cliniche di oltre 126 milioni di pazienti di 900 ospedali e 20.000 cliniche degli Stati Uniti. Le due squadre hanno analizzato i dati in modo indipendente e sono giunti alle medesime conclusioni.

Dopo aver verificato il tasso dei casi di sindrome di Guillain-Barré nei gruppi di pazienti con la COVID-19 (vaccinati e non) lo hanno confrontato con quello della popolazione generale, determinando che chi non era immunizzato contro il patogeno pandemico aveva un rischio significativamente superiore di sviluppare la condizione, di circa 5 volte maggiore. Più nello specifico, il tasso della sindrome nei pazienti Covid vaccinati era di 28 su 1 milione, mentre per i non vaccinati contagiati era di 130 su 1 milione.

Si ritiene che la sindrome di Guillain-Barré si inneschi a causa di una violenta reazione autoimmune, che a sua volta scatena un’infiammazione del sistema nervoso periferico. Si stima che colpisca circa 2 persone ogni 100mila all'anno; può manifestarsi dopo un'infezione virale – come appunto la COVID-19 – o batterica, dopo un intervento chirurgico e anche dopo la vaccinazione. Non a caso è stata segnalata dall'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) anche come rara e potenziale reazione avversa al vaccino anti Covid di AstraZeneca. Come dimostrano i dati di Epic Research, tuttavia, sono i non vaccinati positivi al coronavirus SARS-CoV-2 a rischiare molto di più la condizione. I dettagli dello studio sono disponibili sul portale di Epic Research.

1.962 CONDIVISIONI
31026 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni