276 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
14 Marzo 2022
10:22

Cosa sono i missili ipersonici Tsirkon, tra le armi più temibili della Russia

Tra le armi più micidiali della Russia figurano i missili da crociera ipersonici Tsirkon (Zircon), in grado di viaggiare a Mach 9 e colpire bersagli a 1000 km.
A cura di Andrea Centini
276 CONDIVISIONI
Un missile lanciato da una nave
Un missile lanciato da una nave
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Alla fine del 2021 il presidente russo Vladimir Putin aveva definito i test condotti con gli avanzatissimi missili da crociera ipersonici Tsirkon (3M22 Zircon) “un grande evento nella vita del Paese” e “un passo in avanti sostanziale”, in grado di migliorare significativamente le capacità di difesa della Russia. Questi missili di ultima generazione, infatti, sono considerati tra le armi più temibili in dotazione alla marina del Cremlino, essendo potenzialmente in grado di eludere anche le strette maglie degli scudi missilistici. Il lancio "inaugurale" fu effettuato a gennaio 2020 dalla fregata Admiral Gorshkov nel Mare di Barents, durante il quale uno Tsirkon centrò un bersaglio a oltre 500 chilometri di distanza negli Urali settentrionali; fu la prima dimostrazione di forza della nuova arma, cui ne seguirono diverse altre nel corso dei 24 mesi successivi. Uno dei test più impressionanti fu quello del 4 ottobre 2021, con il lancio avvenuto da un sottomarino K-560 Severodvinsk di classe Yasen. Ciò indica che questi missili ipersonici, con una portata massima di 1.000 chilometri, possono essere dispiegati ovunque e “silenziosamente”, rendendoli una minaccia concreta. Non è noto se siano già stati impiegati nella guerra in Ucraina, ma sicuramente sono a disposizione di Mosca. Nel caso in cui il conflitto dovesse allargarsi con la NATO, queste armi non sono assolutamente da sottovalutare.

Cosa sono i missili ipersonici Tsirkon

I 3M22 Tsirkon, conosciuti anche come 3M22 Zircon, sono missili da crociera ipersonici, cioè in grado di volare oltre la velocità del suono (pari a 343 metri al secondo). Nello specifico, gli Tsirkon sarebbero capaci di raggiungere l'impressionante velocità di Mach 9, circa 11mila chilometri orari, come riportato dall'agenzia di stampa statale russa TASS. Un oggetto si definisce supersonico entro Mach 5 e diventa ipersonico quando supera tale soglia. Questa velocità incredibile dello Tsirkon è dovuta al contributo di due propulsori, uno a combustibile solido che accelera il missile a velocità supersoniche e uno scramjet a combustibile liquido che lo spinge a velocità ipersoniche. Questi missili viaggiano nella stratosfera, a un'altitudine compresa tra i 30 – 40 chilometri; ciò li rende praticamente invisibili ai sistemi di rilevamento delle reti antimissili, anche a causa della nuvola di plasma che si forma attorno durante il volo che assorbe le particelle elettromagnetiche. I principali obiettivi degli Zirkon sono le portaerei e altre grandi navi da guerra, come corazzate e incrociatori, sebbene possano colpire anche bersagli terrestri. In un comunicato di 1tv.ru è stato sottolineato che queste armi “potrebbero trasformare le portaerei in tombe da miliardi di dollari per migliaia di marinai americani”.

Come sono fatti i missili Tsirkon

I missili 3M22 Tsirkon sono sviluppati dall'azienda specializzata NPO Mashinostroyeniya, che ha la sua sede principale a Reutov. Hanno una lunghezza stimata di 8 – 10 metri, mentre il carico utile di esplosivo si ritiene possa essere di 300 – 400 chilogrammi, come riportato dalla TASS. I missili possono essere armati sia con testate convenzionali che con testate nucleari; ciò li rende un'arma strategica e di propaganda notevolmente efficace (non c'è da stupirsi che Mosca abbia diffuso diversi comunicati dopo ogni test di successo). A causa dell'estrema velocità di volo e dell'altitudine raggiunta, ad oggi non esistono flotte con sistemi in grado di difendersi dagli Tsirkon, come evidenziato dalla rivista americana National Interest. Inoltre, anche se armi a fuoco ravvicinato riuscissero a colpirli in volo, gli esperti ritengono che i frammenti del missile arriverebbero con un'energia cinetica tale da provocare comunque danni ingenti a eventuali bersagli nel mirino. I missili Tsirkon possono essere lanciati dai lanciatori verticali universali 3S-14, già utilizzati per altri missili come il i P-800 Oniks e i Kalibr. In pratica, la Russia non ha bisogno di aggiornare navi da guerra, sottomarini e lanciamissili costieri mobili K-300 Bastion per poter dispiegare gli Tsirkon. Proprio per quest'anno è prevista la produzione di massa.

276 CONDIVISIONI
3130 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni