132 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
7 Marzo 2022
18:57

Cosa sono i missili da crociera Kalibr usati dai russi nella guerra in Ucraina

I missili da crociera 3M-54 Kalibr sono stati impiegati dai russi per la prima volta nel 2015, in Siria; ora vengono lanciati contro obiettivi in Ucraina.
A cura di Andrea Centini
132 CONDIVISIONI
Credit: wikipedia
Credit: wikipedia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Tra le armi più sofisticate utilizzate dai russi nella guerra in Ucraina figurano i famigerati missili da crociera Kalibr, il cui volo è stato catturato in alcuni video pubblicati su Twitter. Nelle immagini, registrate con gli smartphone da cittadini ucraini, si vedono i passaggi di questi missili che emettono un inquietante suono, del tutto simile a quello un jet a reazione. Anche l'aspetto è abbastanza simile a quello di un aereo, per la presenza di alette che ne controllano il volo. Potete vedere diversi esempi qui di seguito.

Come indicato i missili Kalibr sono missili da crociera, che si differenziano da quelli balistici perché non seguono una traiettoria predefinita, bensì sono guidati. Sono infatti dotati di un motore a combustibile solido, vere e proprie ali e sistemi di navigazione (anche satellitari) che permettono di controllare la rotta fino al bersaglio, che dunque viene colpito con grande precisione. Sono i cosiddetti “missili intelligenti”, se così si possono definire strumenti costruiti per seminare sofferenza, morte e distruzione.

I 3M-54 Kalibr russi sono sviluppati dall'azienda Novator Design Bureau / NPO Novator (nata OKB-8 subito dopo la Seconda Guerra Mondiale), specializzata proprio nello sviluppo di missili a lungo raggio. Ne esistono diverse varianti che possono essere lanciate da navi, sottomarini e aerei; sono progettate per colpire bersagli navali, altri sottomarini e strutture terrestri, come quelli lanciati verso gli obiettivi ucraini. Una delle caratteristiche più significative dei Kalibr più avanzati è la capacità di accelerare da velocità subsonica a velocità supersonica nelle vicinanze del bersaglio; questa spinta supplementare permette al missile di evitare più agevolmente i sistemi di difesa (la contraerea, in pratica) e ne aumenta l'efficacia.

A gennaio il Ministero della Difesa russo aveva annunciato il successo di esercitazioni militari in cui missili Kalibr lanciati dalla marina avevano colpito bersagli terrestri a 1.000 chilometri di distanza. Il raggio d'azione potrebbe spingersi fino a 2.500 chilometri, rendendo questi missili particolarmente insidiosi, anche perché possono essere caricati sia con testate convenzionali che con quelle termonucleari. I primi missili Kalibr sarebbero stati impiegati nella Guerra in Siria nell'Ottobre del 2015. 26 di questi missili sarebbero stati sparati da fregate e corvette della Flottiglia del Caspio e avrebbero colpito bersagli nelle provincie di Raqqa e Aleppo. Il Dipartimento degli Stati Uniti ha dichiarato che alcuni di questi missili sarebbero caduti sul suolo iraniano. Diversi altri attacchi – anche contro postazioni dell'Isis – condotti da sottomarini si sono susseguiti fino al 2018. I Kalibr vengono ora utilizzati nella guerra in Ucraina.

132 CONDIVISIONI
3152 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni