481 CONDIVISIONI
26 Marzo 2022
17:05

269 delfini imprigionati in Giappone per essere venduti a delfinari e parchi acquatici

Nella baia giapponese di Moriura, a Taiji, c’è la più grande prigione di delfini al mondo: in 269 aspettano di essere venduti a parchi acquatici e delfinari.
A cura di Andrea Centini
481 CONDIVISIONI
Credit: Dolphin Project / LIA
Credit: Dolphin Project / LIA

In Giappone ci sono 269 delfini imprigionati in minuscole strutture galleggianti, pronti per essere venduti (a peso d'oro) a delfinari e parchi marini di tutto il mondo. L'odiosa prigione di cetacei è frutto della stagione di caccia che si tiene ogni anno a Taiji, tra settembre e marzo. Larga parte dei delfini catturati viene massacrata a colpi di coltello sotto i tendoni, lontani dagli occhi e dalle telecamere dei volontari che provano a documentare gli orrori consumati nella “baia della morte”, balzata agli onori della cronaca di tutti il mondo grazie al film The Cove, vincitore del premio Oscar come migliore film-documentario nel 2010. Alcuni degli esemplari prelevati in natura vengono selezionati dai cacciatori e imprigionati, in attesa che gli addestratori dei parchi acquatici arrivino per osservarli e acquistarli.

Credit: Dolphin Project / LIA
Credit: Dolphin Project / LIA

I 269 esemplari si trovano nella baia di Moriura, a Taiji, non lontano dall'insenatura dove i carnefici hanno sterminato con ferocia le loro famiglie. Un destino orribile, ma probabilmente migliore di quello che spetta ai superstiti, rimasti soli, senza i propri compagni, strappati da una vita libera nel grande blu per colpa dell'avidità umana. Ogni esemplare vivo, del resto, vale centinaia di migliaia di dollari. Catturare delfini e venderli genera un ingente profitto, per questo i cacciatori nipponici non si fanno scrupoli a perpetrare questa barbarie, resa ancor più crudele dal fatto che i mammiferi marini sono animali particolarmente intelligenti, con una struttura sociale complessa e stratificata come quella umana.

Come comunicato dall'organizzazione Dolphin Project di Rick'o Barry (protagonista di The Cove) e dall'associazione animalista giapponese Life Investigation Agency (LIA) guidata da Ren Yabuki, i 269 delfinidi catturati appartengono a nove specie distinte: 180 tursiopi; 35 grampi; 19 lagenorinchi dai denti obliqui; 11 globicefali di gray; 9 stenelle maculate; 8 stenelle striate; 3 peponocefali; 3 steni; e 1 pseudorca. Stando ai dati raccolti dai 46 volontari di LIA, tutti uomini e donne giapponesi che nel corso dei 6 mesi di caccia documentano ogni giorno ciò che avviene a Taiji, all'appello mancherebbero 25 delfini. Si ritiene che possano essere morti oppure scappati durante lo tsunami che a gennaio a investito la baia. Proprio a Moriura l'amministrazione di Taiji ha deciso di realizzare un grande parco acquatico con più specie di delfini, dove le persone possono avvicinarli in canoa per nutrirli con pesci morti e toccarli. A rendere ancor più spietato e disgustoso questo progetto, l'idea di far incrociare specie diverse per ottenere ibridi e condizioni genetiche particolari, col solo scopo di incrementare i profitti.

LIA tiene traccia di tutte le uscite in mare delle imbarcazioni giapponesi durante la stagione di caccia; nell'ultima le uscite a vuoto, senza catture, sono state il 69 percento del totale, con un aumento del 4 percento rispetto alla stagione precedente. Questi dati, in costante aumento, sono il risultato di decenni di stermini, che hanno ridotto in modo significativo i pod di cetacei che vivono e transitano nell'area. Un ulteriore segnale per mettere definitivamente la parola fine a questa attività barbara e anacronistica.

481 CONDIVISIONI
Il segreto del fiume che diventa un arcobaleno lungo più di 90 chilometri
Il segreto del fiume che diventa un arcobaleno lungo più di 90 chilometri
Scoperto sulla Terra il più grande cratere da impatto degli ultimi 100.000 anni
Scoperto sulla Terra il più grande cratere da impatto degli ultimi 100.000 anni
L'Australia dichiara i koala ufficialmente a rischio estinzione: piano nazionale per salvarli
L'Australia dichiara i koala ufficialmente a rischio estinzione: piano nazionale per salvarli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni