In foto: Guy Verhofstadt e Matteo Salvini.
in foto: In foto: Guy Verhofstadt e Matteo Salvini.

"Ministro Salvini, ho già avuto un dibattito con Giuseppe Conte, il capo del governo italiano, ma lo sappiamo tutti che il vero leader dell'esecutivo è lei. Inoltre, lei stesso si dipinge come il leader del movimento di estrema destra in Europa. Come lei, anche i suoi alleati sovranisti come Marine Le Pen, Heinz-Christian Strache, Nigel Farage e Viktor Orbán stanno continuamente complottando con Vladimir Putin, pagati dallo stesso, per distruggere l'Europa. Per questo motivo la sfido ad un dibattito faccia a faccia, perché le persone hanno il diritto di sapere i piani diabolici che avete in mente. Mi dica dove preferisce, che sia a Bruxelles o che sia in Italia io ci sarò!". Così Guy Verhofstadt, l'europarlamentare belga a capo dell'ALDE  (Gruppo dell'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa) ha parlato attraverso un video diffuso sui social al vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, invitandolo ad un dibattito in vista delle elezioni europee del prossimo 26 maggio.

Il riferimento al confronto con il presidente del Consiglio rimanda all'intervento del leader dei Liberali in Parlamento europeo, occasione in cui Guy Verhofstadt aveva chiesto a Giuseppe Conte per quanto tempo ancora avesse intenzione di essere il burattino mosso da Matteo Salvini e Luigi Di Maio. "Io amo l'Italia", aveva dichiarato il politico belga in un perfetto italiano, "ma oggi mi fa male vedere la degenerazione politica di questo paese, iniziata 20 anni fa con Berlusconi e peggiorata con questo governo. L’Italia è diventata il fanalino di coda dell'Europa. Un governo odioso verso gli altri stati membri, con Di Maio e Salvini veri capi di questo governo, ha impedito l’unanimità su Venezuela sotto pressione di Putin".

"Un gruppo globale, centrista e pro-europeo"

Il gruppo dei Liberali potrebbe rivelarsi decisivo alle prossime elezioni europee. Ad oggi conta 68 seggi dell'Europarlamento su 751, ma negli ultimi mesi ha portato avanti delle trattative con il partito del presidente francese Emmanuel Macron. "Creeremo un nuovo gruppo, un gruppo globale, un gruppo centrista e pro-europeo insieme con Emmanuel Macron", ha annunciato Verhofstadt. Si prevede quindi la dissoluzione dell'ALDE, che entrando a far parte di una nuova coalizione dovrebbe ottenere, secondo i sondaggi, circa un centinaio di voti. Uniti a quelli che dovrebbero ottenere i Popolari e i Socialisti, una formazione europeista di centro dovrebbe essere possibile alla guida del Parlamento di Strasburgo.