video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Zelensky oggi in Portogallo e Belgio per nuovi aiuti militari. No di Orban a sanzioni UE alla Russia

Prosegue il tour europeo di Zelensky: dopo aver incassato l’impegno a ricevere in miliardo di aiuti militari dalla Spagna il leader ucraino è atteso in Potogallo e Belgio: quest’ultimo Paese ha promesso l’invio di caccia F-16.
A cura di Davide Falcioni
53 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Dopo la Spagna – dove ha incassato l'impegno a ricevere un miliardo di euro di aiuti militari per il 2024 dal premier Sanchez – il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si recherà oggi in Portogallo per incontrare il primo ministro Luis Montenegro e il presidente Marcelo Rebelo de Sousa. "La visita di lavoro" del leader di Kiev "rientra nel desiderio condiviso di approfondire le eccellenti relazioni tra i due Stati, con particolare enfasi sul rafforzamento della cooperazione nel campo della sicurezza e della difesa", hanno scritto il governo e la presidenza in un comunicato. Il Portogallo intende ribadire il suo "impegno per la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina, nonché per il mantenimento del sostegno politico, militare, finanziario e umanitario a Kiev", hanno aggiunto le autorità portoghesi nel comunicato. Zelensky e Montenegro devono firmare un "accordo bilaterale di impegno sulla sicurezza".

Dopo Spagna e Portogallo il presidente ucraino sarà anche a Bruxelles per incontrare il premier Alexander De Croo. Belgio e Ucraina, in occasione della visita del presidente ucraino, firmeranno un accordo bilaterale in materia di sicurezza e difesa. Il programma prevede che Zelensky venga accompagnato ad incontrare i piloti, istruttori e personale tecnico degli F-16. Il leader ucraino parteciperà a un briefing sul funzionamento e sulla manutenzione dei caccia belgi da parte dei militari locali. Il Belgio ha annunciato la sua decisione di consegnare gli F-16 all'Ucraina e, se possibile, di fornire il primo aereo entro la fine di quest'anno.

Dall'Ungheria no a un nuovo pacchetto di aiuti militari all'Ucraina

Intanto l'Ungheria ha annunciato il suo veto sul quattordicesimo pacchetto di sanzioni UE. Lo ha reso noto il ministro degli Esteri Péter Szijjártó a margine del Consiglio Esteri spiegando che Budapest non voterà a favore del pacchetto perché "nella sua forma attuale è assolutamente contrario agli interessi economici dell'Ungheria" e "metterebbe a rischio la sicurezza dell'approvvigionamento energetico del paese". Le misure restrittive proposte contengono "elementi che rallenterebbero gli investimenti nella centrale nucleare di Paks" e che "potrebbero essere fatali per l'agricoltura e l'industria alimentare ungherese". Poco prima Budapest aveva confermato il veto allo stanziamento di 5 miliardi di euro in aiuti militari all'Ucraina: "Non abbiamo ceduto alle pressioni", ha rivendicato Szijjarto, che ha inoltre tuonato contro l'ipotesi di invio di personale militare a difesa di Kiev: "Non permetteremo che i giovani ungheresi siano mandati in guerra perché questa non è la nostra guerra, giù le mani dai giovani ungheresi. La perdita di vite umane in Ucraina sta diventando sempre più insopportabile, agli uomini ucraini non è permesso lasciare l'Ucraina e ora si vogliono arruolare giovani europei nella guerra".

53 CONDIVISIONI
4345 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views