1.917 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
28 Aprile 2022
08:24

Ucraina-Russia, Zelensky accusa: “Mosca usa il gas e il commercio come armi contro l’Europa”

Il presidente ucraino Zelensky ha accusato la Russia di attuare un vero e proprio “ricatto energetico” contro l’Europa. Per Zelensky, “la Russia considera non solo il gas, ma qualsiasi commercio come un’arma”. Le perdite totali inflitte all’Ucraina dalla guerra hanno raggiunto i 600 miliardi di dollari secondo Kiev.
A cura di Susanna Picone
1.917 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"Nessuno in Europa può sperare di mantenere una normale cooperazione economica con la Russia" perché Mosca ha messo in atto un “ricatto energetico” che deriva dall'uso di “gas e commercio come armi”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un discorso alla nazione. Per Zelensky questa settimana la leadership russa “ha lanciato una nuova serie di ricatti energetici degli europei”. “La decisione di interrompere le forniture di gas a Polonia e Bulgaria è un altro argomento a favore del fatto che nessuno in Europa può sperare di mantenere una normale cooperazione economica con la Russia” così ancora il presidente. Secondo Kiev, la Russia considera non solo il gas, ma qualsiasi commercio come un'arma. “Sta solo aspettando il momento in cui l'una o l'altra area commerciale può essere utilizzata. Per ricattare politicamente gli europei. O per rafforzare la macchina militare russa, che vede come obiettivo un'Europa unita”, ha aggiunto ancora Zelensky.

Zelensky dice che la guerra è costata all'Ucraina 600 miliardi di dollari

Secondo il presidente Zelensky le perdite totali inflitte all'Ucraina dalla guerra hanno raggiunto i 600 miliardi di dollari. Il presidente ucraino ha incontrato ieri le autorità locali e regionali per  discutere della ricostruzione post bellica. "Le stime preliminari delle perdite dell'Ucraina da questa guerra raggiungono oggi i 600 miliardi di dollari", ha detto il leader ucraino secondo cui dall’inizio dell’invasione russa sono stati distrutti o danneggiati oltre 32 milioni di metri quadrati di aree vivibili, oltre 1.500 strutture educative e oltre 350 strutture mediche. “Le entità economiche hanno subito enormi perdite: centinaia di imprese sono state distrutte. Circa 2.500 km di strade e quasi 300 ponti sono stati rovinati o danneggiati. E non sono solo statistiche. Questo è Mariupol, questo è Volnovakha, questo è Okhtyrka, questo è Chernihiv, questo è Borodianka e dozzine o dozzine delle nostre città, paesi e villaggi”, la parole del presidente ucraino. Più di 11,5 milioni di ucraini secondo Zelensky sono scappati dalle loro case a causa della guerra e circa 5 milioni di loro sono andati all'estero e il 95% dei migranti vuole già tornare a casa. I danni causati alle infrastrutture nel Paese invaso hanno raggiunto quasi 90 miliardi di dollari: la gran parte dei danni ha interessato le infrastrutture ferroviarie, stradali e i ponti.

Guterres oggi a Kiev vede Zelensky e Kuleba

Oggi previsto un incontro tra il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e il presidente ucraino Zelensky a Kiev. Guterres era da martedì sera in Polonia e da lì ha raggiunto la capitale ucraina, dove avrà un incontro con Zelensky e il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba.

1.917 CONDIVISIONI
2593 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni