553 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
21 Marzo 2022
09:23

“Voglio andare a difendere il mio Paese”. Matematico ucraino si suicida in Russia dopo l’arresto

Konstantin Olmezov era stato detenuto per 15 giorni a Mosca per “teppismo minore” dopo aver provato a lasciare la Russia; ci aveva riprovato, ma neanche il secondo tentativo era andato a buon fine. Alla fine si è tolto la vita.
A cura di Biagio Chiariello
553 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Il matematico ucraino Konstantin Olmezov si è suicidato in Russia: era stato arrestato mentre cercava di lasciare il Paese, dove viveva e lavorava. Lo ha annunciato su Telegram l'avvocato russo Dmitry Zakhvatov, come riferisce Ukrinform. "… ho ricevuto una segnalazione che questa mattina (20 marzo – ndr), si è suicidato, lasciando un biglietto nel quale scriveva di averlo fatto perché non sopportava gli orrori di ciò che sta accadendo. Un talentuoso, promettente matematico Kostiantyn Olmezov", ha scritto l'avvocato.

Olzemov, nato nel 1995, aveva provato a lasciare la Russia lo scorso 26 febbraio, due giorni dopo l’inizio dell’invasione voluta da Putin in Ucraina. Fermato mentre scappava, è stato arrestato e imprigionato per quindici giorni presso una stazione degli autobus a Mosca in un caso "inventato" di "teppismo minore", come riporta l’associazione Ukrainian Mathematicians su Twitter. Invitato a continuare gli studi universitari in Austria, ha però provato a partire di nuovo. Ha acquistato un biglietto aereo per la Turchia – si legge in un tweet della stessa associazione – ma neanche la seconda fuga ha avuto successo.

"Stavo cercando di uscire da qui per difendere il mio Paese, difenderlo da coloro che volevano portarmelo via", avrebbe scritto il matematico.

Secondo l'avvocato Zakhvatov, citato da Unian un protocollo amministrativo "è stato fabbricato contro lo scienziato e a causa di questo Olmezov è stato trattenuto in arresto per 15 giorni".

Sempre secondo Ukrainian Mathematicians, Konstantin Olmezov aveva studiato all’università Nazionale di Donetsk che fu costretto a lasciare a causa della guerra e proseguì poi i suoi studi al Mipt (Moscow Institute of Physics and Technology), in Russia.

553 CONDIVISIONI
2542 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni