Un uomo ha ucciso un coyote a mani nude dopo che l'animale selvatico aveva attaccato il figlioletto di appena due anni, probabilmente spinto dalla fame. L'episodio lunedì pomeriggio in una zona boschiva nei dintorni di Exter, comune degli Stati Uniti d'America facente parte della contea di Rockingham nello stato del New Hampshire. Protagonista dell'accaduto è Ian O'Reilly e il suo figlioletto di 2 anni. L'uomo ha spiegato che lui, sua moglie e i loro tre figli stavano facendo una passeggiata su un sentiero tra i boschi  quando l'animale si è avvicinato all'improvviso e ha afferrato suo figlio di 2 anni per la giacca, cercando di trascinarlo via. Momenti concitati duranti i quali l'uomo ha avuto la freddezza di reagire subito scagliandosi contro il coyote nonostante i morsi ricevuti.

O'Reilly ha raccontato ai media locali di aver provato a farlo scappare, ma non ci è riuscito. L'uomo è stato morso più volte prima di riuscire a soffocare l'animale. "Non ho mai fatto del male a un animale, quindi è stata un'esperienza molto brutta" ha spiegato l'uomo, sottolineando che suo figlio fortunatamente non è stato morso. "Sono stato in grado di mettergli la testa nella neve e mettere la mia mano intorno al muso, quindi non poteva più mordermi" ha detto, aggiungendo: "E infine sono stato in grado di soffocarlo usando il mio peso corporeo".

"In quel momento non pensi molto, è solo un istinto. Abbiamo cercato di allontanarlo ma era chiaro che non aveva nessuna intenzione" ha ricostruito ancora O'Reilly . Prima dell'episodio la polizia aveva avvertito i cittadini di un coyote individuato da un automobilista che aveva riferito che l'animale selvatico aveva attaccato la sua auto. Circa 20 minuti dopo, un coyote aveva aggredito e morso una donna e uno dei suoi cani. È probabile che i fatti siano collegati tra loro.