1.188 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Giugno 2020
10:26

Una tribù di Arara la “più contagiata” del Brasile: “Siamo sull’orlo del disastro”

Il 46% dei 121 Arara che vivono in una riserva nell’Amazzonia brasiliana hanno contratto il coronavirus, ma secondo gli esperti è molto probabile che ora tutti i membri della tribù di quel territorio siano stati infettati. Una notizia potenzialmente devastante per la tribù, entrata per la prima volta in contatto con gli esterni solo nel 1987 e quindi particolarmente vulnerabile alle malattie importate.
A cura di Susanna Picone
1.188 CONDIVISIONI
Foto Survival
Foto Survival
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In Brasile, secondo Paese al mondo per casi da coronavirus, preoccupa una tribù di Arara, piccolo gruppo etnico locale, considerata la “più contagiata” del Paese. Secondo le statistiche ufficiali, il 46% dei 121 Arara che vivono in una riserva nell'Amazzonia brasiliana hanno contratto il Covid-19, ma per gli esperti è molto probabile che ora tutti i membri della tribù di quel territorio siano stati infettati. La notizia, riferisce Survival, è potenzialmente devastante per la tribù, entrata per la prima volta in contatto con gli esterni solo nel 1987 e quindi particolarmente vulnerabile alle malattie importate. Sempre secondo gli esperti non è una coincidenza il fatto che la riserva sia uno dei territori più invasi dell'intera Amazzonia: all'interno dei suoi confini operano illegalmente centinaia di trafficanti di legname, accaparratori di terra, allevatori e colonizzatori. "Siamo molto preoccupati”, ha detto a Survival International un uomo Arara. "All'avamposto medico [vicino al villaggio] non ci sono medicine, né respiratori. Vorremmo un respiratore nell'avamposto, così da non dover andare in città. Il villaggio è a 3 giorni di distanza dalla città dove si trova l'ospedale. Chiediamo protezione per questi casi di coronavirus. Il numero di invasori è aumentato notevolmente, tagliano molti alberi. Il governo non li ferma. Nell'area ci sono troppi invasori”, è la sua testimonianza. La tribù chiede lo sfratto immediato di tutti gli invasori e una risposta sanitaria efficace per prevenire i decessi da Covid.

Negli ultimi anni molti membri della tribù morti per malattie importate dall’esterno

I loro alleati, tra cui Survival International, stanno facendo pressione sul governo brasiliano affinché intervenga con urgenza. "Sin dall'inizio abbiamo denunciato l'avanzata del coronavirus nelle terre indigene e i rischi di contaminazione nei nostri territori”, ha detto in una nota la COIAB, l'organo di coordinamento delle organizzazioni indigene dell'Amazzonia brasiliana. "Ora il Covid-19 è arrivato, e si sta diffondendo rapidamente. Siamo sull'orlo del disastro. È una lotta quotidiana per la sopravvivenza, non solo per il Covid-19 ma anche perché le leggi vengono smantellate, la demarcazione e la protezione dei nostri territori vengono bloccate, le nostre terre e le nostre vite vengono prese di mira, i nostri leader vengono assassinati, e il governo federale sta adottando misure anti-indigene”. Fiona Watson, Direttrice del Dipartimento Ricerca e Advocacy di Survival International, ha spiegato che negli ultimi 40 anni la foresta degli Arara è stata decimata e molti dei membri della tribù sono morti per malattie importate dall’esterno. "Il Presidente Bolsonaro sta incoraggiando la distruzione di un popolo un tempo fiorente, e della foresta che gli Arara hanno gestito e di cui si sono presi cura per millenni. Per resistere a questo genocidio hanno disperatamente bisogno della solidarietà brasiliana e internazionale”, ha aggiunto.

1.188 CONDIVISIONI
29688 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni