659 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
14 Settembre 2022
10:37

Ucraina, troupe della Cnn entra a Izium liberata dai russi: “Case sventrate, hanno rubato tutto”

Una troupe della Cnn è entrata per prima nella città ucraina di Izium, liberata dai russi, che ne tenevano il controllo da 6 mesi: nelle immagini esclusive case sventrate, carri armati abbandonati e ponti crollati.
A cura di Ida Artiaco
659 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Edifici sventrati, distruzione, casse di munizioni non utilizzate lasciate sotto gli alberi, ma anche carri armati abbandonati con il simbolo della "Z", carcasse di automobili e altri mezzi lungo la strada, ponti crollati.

È questo quello che le telecamere di una troupe della Cnn è riuscita a immortalare dopo essere entrata nella città ucraina di Izium, sotto il controllo dei russi fino a tre giorni fa quando l'esercito di Kiev è riuscita a liberarla, nell'ambito della travolgente controffensiva portata avanti nella regione di Kharkiv.

L'emittente americana è la prima che è riuscita a varcare i confini della cittadina, dove, come riferisce il consigliere comunale Maksym Strelnikov, almeno mille abitanti sono morti, l’80% degli edifici è stato distrutto e il sistema di riscaldamento è stato danneggiato sotto "l’occupazione russa", durata circa sei mesi.

Izium rappresenta un'enorme perdita strategica per l'esercito di Mosca, che l'ha utilizzata come base chiave e rotta di rifornimento per le sue forze nell'Ucraina orientale: l'operazione mostra la velocità e la portata del fulmineo contrattacco ucraina nel Nord-Est.

La troupe dell'emittente Usa è entrata anche nel bunker dove era acquartierato il comando delle truppe di Mosca, dentro tanti banchi in fila, come quelli di scuola, probabilmente il posto dove sedeva ognuno degli ufficiali russi.

Uno spazio basso, angusto, dove venivano prese le decisioni. Il reporter Sam Kiley ha anche intervistato una coppia di ucraini che hanno festeggiato l'arrivo dei soldati di Kiev: "I russi prima di andare via hanno rubato tutto, si sono portati via qualunque cosa", hanno raccontato.

Tuttavia, la paura per le truppe di Putin attanaglia ancora la città. La maggior parte dei residenti contattati dalla Cnn si sono detti ancora troppo spaventati per parlare liberamente di quello che era successo lì negli ultimi mesi.

Intanto, sono partiti i lavori per rendere sicuro il centro cittadino, anche se non mancano le difficoltà. La città rimane ancora senza internet e senza telefono, una tattica utilizzata dai russi nei territori occupati.

659 CONDIVISIONI
3123 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni