50 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Ucraina, il piano di Prigozhin: “Via da Bakhmut per il 1 giugno, dal 5 spazio per grande offensiva”

“Stiamo lasciando Bakhmut” per cui, dopo la conquista della città “l’esercito russo ha tutte le opportunità per lanciare una colossale offensiva”: lo ha detto il capo e fondatore della milizia mercenaria Wagner Yevgeny Prigozhin.
A cura di Susanna Picone
50 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Quella tra sabato e domenica è stata una notte di esplosioni in Ucraina: l’allarme aereo è scattato su Kiev intorno all'una di notte ora locale ed è rimasto attivo in gran parte delle regioni del Paese. Secondo l'amministrazione militare della capitale si tratta dell'attacco aereo più imponente condotto dalla Russia dall'inizio dell’invasione. E intanto, Prigozhin fa sapere che il piano è quello di andare via da Bakhmut per il primo giugno.

"I nostri piani prevedono di andare via da Bakhmut per il primo giugno. Potremmo non avere il tempo di consegnare tutto ai militari (dell'esercito regolare russo), forse ci vorrà qualche giorno in più. A condizione che a partire dal 5 giugno l'esercito abbia spazio operativo per un'offensiva a ovest. Come ha già detto il ministro della Difesa, dopo la presa di Bakhmut, l'esercito russo ha tutte le possibilità di lanciare una grande offensiva con la cattura di Kramatorsk, Sloviansk, Druzhkovka, Konstantinovka, Chasov Yar, cioè ‘l'anello del Donbass'". Così oggi il capo e fondatore della milizia mercenaria Wagner Yevgeny Prigozhin rispondendo ad alcune domande sul canale Telegram della stessa milizia.

"Allora bisognerà chiarire, non credo sia un processo complicato, si farà in una riunione, se ci sarà un'offensiva, una corsa fulminea e decisiva verso il Dnipro", ha detto ancora. "Penso che tutto sia in nostro potere. Il nemico sarà sconfitto. La vittoria sarà nostra", ha quindi concluso.

Intanto il rappresentante del gruppo orientale delle forze armate ucraine Sergey Cherevaty, citato da ArmyInform, ha detto che vicino Bakhmut le truppe russe continuano a bombardare le posizioni delle forze ucraine ma si è verificato solo uno scontro militare nell'ultimo giorno. "Nel settore di Bakhmut, gli occupanti hanno sferrato 250 attacchi con diverse armi. Le nostre truppe hanno risposto al fuoco. Come risultato di queste azioni, 80 membri del personale degli occupanti sono stati uccisi, 99 sono stati feriti e un militare russo è stato catturato, 3 sistemi di artiglieria semovente, una stazione di guerra elettronica e un deposito di munizioni sono stati distrutti", ha detto Cherevaty aggiungendo che "il nemico sta attualmente ruotando le sue truppe, sostituendo i combattenti della Wagner con altre unità".

Ha quindi concluso sottolineando che, nonostante i cosiddetti successi riportati dai media, le truppe dell'aggressore non sono riuscite a stabilire completamente il controllo su Bakhmut in 10 mesi.

50 CONDIVISIONI
4305 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views