1.290 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
2 Marzo 2022
11:15

Ucraina, cittadini disarmati formano barriera umana e bloccano strade per impedire l’avanzata russa

“I residenti non li lasceranno avvicinare di un solo passo” ha dichiarato il sindaco Energodar he ha fatto allestire barricate in strada in attesa dell’esercito russo.
A cura di Antonio Palma
1.290 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Cittadini ucraini disarmati che bloccano le strade con barricate improvvisate, mezzi civili e camion ma anche semplicemente con il loro corpo sventolando bandiere e urlando cori per impedire ai russi di avanzare nella guerra tra Russia e Ucraina. Sono le scene che da giorni si ripetono in diverse città ucraine per cercare di fermare l’avanzata delle forze armate di Mosca. Uno degli esempi più recenti a Energodar, una città dell'Ucraina sud-orientale satellite della centrale nucleare di Zaporizhia, dove cittadini hanno allestito posti di blocco su tutte le strade di ingresso alla città con l’intenzione di fermare il nemico a ogni costo, capitanati dal sindaco Dmytro Orlov. La città da giorni è cinta d’assedio ma per ora i russi non sono entrati. Mercoledì mattina le truppe russe sono arrivate di nuovo al posto di blocco all'ingresso della città ma i residenti hanno formato una barriera umana convincendole ancora una volta a desistere.

“Abbiamo dimostrato che la centrale nucleare di Zaporizhia e la città sono sotto una protezione affidabile. I residenti non li lasceranno entrare in città né avvicinare di un solo passo. I soldati hanno capito e sono andati a riferirlo i superiori. Il prossimo incontro è alle 15nello stesso posto. Ma tutto può cambiare da un momento all'altro! Tenetevi ponti” ha dichiarato il primo cittadino sui social”.  "Ora più che mai dobbiamo mobilitare le nostre forze, per stare insieme affinché il nemico non entri nella città dove si trova la più grande centrale nucleare d'Europa! Siamo pronti" Ha aggiunto. Con l’avanzata dei russi e l'interruzione dei collegamenti la parte meridionale della regione ucraina di Zaporizhia resta però ormai isolata dal resto dell’Ucraina.

 

Analoghe scene di resistenza si erano viste già all’inizio dell’avanzata russa, nelle città di confine con cittadini disarmati che si mettevano in strada davanti ai carri armati e blindati russi. Nella regione di Luhansk, nel sud-est dell'Ucraina, dove l'esercito russo ha fatto la prima avanzata, nella città di Starobilsk, alcune persone hanno bloccano una colonna di militari russi che però hanno sparato per allontanare i manifestanti.

1.290 CONDIVISIONI
3315 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni