Una nuova scossa di terremoto, di magnitudo 5.4, è stata registrata questa mattina alle 07:08 ora locale, nel Nord Ovest dell'Albania. Lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Il terremoto è stato rilevato ad una profondità di 10 km con epicentro a circa 22 km da Mamurras. Nel complesso le scosse registrate finora nel Paese sono quattro, di magnitudo tra 5.1 e 6.4, che resta al momento la più violenta. Registrata alle 2.54 ora locale, ha provocato finora 15o feriti e almeno 6 morti mentre i vigili del fuoco scavano ancora tra le macerie dei palazzi crollati alla ricerca di eventuali dispersi. Il sisma era stato avvertito distintamente nel Sud Italia, in particolare in Puglia, nel Salento, in Campania, in Basilicata e in Abruzzo.

Il terremoto che nella notte ha colpito il paese balcanico era stato preceduto il 21 settembre scorso da un sisma di magnitudo 5.6 che aveva danneggiato circa 500 edifici ed era stato considerato come il più forte degli ultimi 30 anni. Il sisma più devastante nella storia del Paese risale al primo giugno del 1905, quando almeno 120 persone morirono a seguito di una scossa di magnitudo 6.6. Intanto, la Farnesina ha fatto sapere di aver attivato l'Unità di Crisi, "stiamo monitorando la situazione". Tuttavia, "allo stato non ci risulta nessun italiano", ha dichiarato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ad Agorà.