253 CONDIVISIONI
Texas, 18enne spara in una scuola elementare a Uvalde
27 Maggio 2022
20:38

Strage in Texas, polizia ammette: “Attese le chiavi del bidello per entrare, un errore non fare blitz”

Secondo il dipartimento di pubblica sicurezza del Texas, la polizia locale pensava che c’era tempo per recuperare le chiavi perché riteneva che il 18enne si fosse barricato e che i bimbi non fossero in pericolo.
A cura di Antonio Palma
253 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Texas, 18enne spara in una scuola elementare a Uvalde

La polizia locale di Uvalde, dove si è consumata la strage dei bimbi a scuola, credeva che si trattasse di una "situazione con un uomo barricato" piuttosto che un killer attivo, e che i bambini non fossero a rischio, per questo ha atteso oltre un'ora prima di prendere la decisione di irrompere nella classe in cui si trovava il 18enne Salvador Ramos. Lo ha spiegato oggi il capo del dipartimento di pubblica sicurezza dello Stato del Texas, il colonnello Steven McCraw, parlando apertamente di uno sbaglio.

"Ovviamente, in base alle informazioni che abbiamo ora, c'erano bambini in quella classe che erano ancora a rischio", ha detto McCraw, aggiungendo: “Con il senno di poi, ovviamente non è stata la decisione giusta. È stata la decisione sbagliata, punto. Non ci sono scuse per questo. Ma ancora una volta, non ero lì". Una ammissione che arriva dopo le numerose accuse da parte dei parenti delle 22 vittime e la rabbia della comunità sulla risposta inefficace delle forze dell'ordine locali all'assalitore della Robb Elementary School.

Le proteste davanti alla scuola durante l’assalto
Le proteste davanti alla scuola durante l’assalto

Come ha spiegato McCraw, invece di tentare immediatamente di fare irruzione nell'aula e ingaggiare il ragazzo armato all'interno, il comandante locale, che in seguito ha identificato come il capo della polizia del distretto scolastico, ha deciso che "c'era tempo per recuperare le chiavi e aspettare una squadra tattica con l'attrezzatura per andare avanti, entrare e affrontare il problema".

"Riteniamo che ci sarebbe dovuto essere una irruzione il prima possibile perché quando c'è un tiratore attivo le regole cambiano", ha continuato McCraw, fornendo una cronologia più dettagliata degli eventi sulla sparatoria nella scuola elementare a Uvalde che spiegano la lunga attesa tra il momento in cui gli agenti sono arrivati e il blitz.

Secondo il dipartimento di pubblica sicurezza del Texas, i primi agenti sono arrivati ​​per la prima volta alla scuola alle 11:44 ora locale ma quando una squadra di forze speciali è finalmente entrata nell'aula in cui il killer era barricato erano ormai le 12:50, cioè quando sono state usate le chiavi di un custode per aprire la porta. McCraw ha detto che il 18enne è entrato da una porta sul retro lasciata aperta da un insegnante pochi minuti prima che l'uomo armato si schiantasse con il suo furgone fuori dalla scuola elementare.

Gli allarmi con chiamate ai numeri di emergenza sono partiti quasi subito e i primi due agenti della polizia locale sono entrati per la prima volta nella scuola pochissimi minuti dopo l'uomo armato, che si era già barricato all'interno dell'aula dove ha fatto una strage. Alle 12 c'erano già 19 agenti nel corridoio, ma non hanno aperto la porta della classe per oltre un'ora.

McCraw ha detto che mentre c'è stata una raffica di colpi di arma da fuoco poco dopo che l'uomo armato è entrato nell'aula, gli spari successivamente sono stati "sporadici" per gran parte del tempo e che gli agenti aspettavano fuori dal corridoio. Anche quando sul posto sono arrivati gli agenti di una unità di forze speciali, circa mezz'ora dopo l'allarme, la polizia locale li ha bloccati nonostante durante l'attacco i bambini hanno chiamato ripetutamente i servizi di emergenza sanitaria dall'interno della scuola. "Se pensassi che possa aiutarli, chiederei scusa ai familiari" ha concluso il colonnello McCraw.

253 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni