1.617 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
17 Maggio 2022
07:55

Soldati evacuati da Azovstal, Zelensky: “L’Ucraina ha bisogno di eroi vivi”

Messaggio del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky dopo che il ministero della Difesa di Kiev ha confermato l’avvio dell’evacuazione dei militari asserragliati nell’acciaieria Azovstal a Mariupol.
A cura di Chiara Ammendola
1.617 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

L'Ucraina ha bisogno di eroi vivi. A dirlo, nel consueto messaggio della notte diffuso sui propri canali socia, è il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che ha voluto confermare le notizie sull'evacuazione dei feriti dall'acciaieria Azovstal a Mariupol dove da giorni sono asserragliati i soldati di Kiev in quello che resta l'ultima area di difesa.

"L'82esima giornata della nostra difesa è stata difficile, ma come tutte le altre mira a salvare il nostro Paese e la nostra gente – ha spiegato Zelensk parlando dei difensori di Mariupol – grazie al lavoro dei militari delle forze armate ucraine, dell'intelligence, della squadra dei negoziati, del Comitato internazionale della Croce Rossa, e dell'Onu. Speriamo di poter preservare la vita dei nostri ragazzi, tra di loro ci sono dei feriti gravi e verrà fornito aiuto. Voglio sottolineare all'Ucraina servono eroi vivi: è iniziata l'operazione per far tornare i nostri militari a casa. È un lavoro che richiede delicatezza e tempi".

Ieri diversi bus con a bordo i militari ucraini che erano all'interno dell'acciaieria hanno lasciato Azovstal. Sarebbero già 264 i soldat evacuati, così come annunciato dal comandante del battaglione Azov Prokopenko in un video sui social: "Per salvare vite, la guarnigione sta attuando la decisione approvata dal comando supremo". L'evacuazione dei militari feriti è stata possibile grazie a una tregua concordata tra le parti che ha permesso di far uscire i feriti intrappolati nei sotterranei del sito industriale da giorni. Il ministero della Difesa russo ha fatto sapere che i soldati feriti saranno trasportati attraverso un corridoio umanitario in una struttura sanitaria nella Repubblica popolare di Donetsk.

1.617 CONDIVISIONI
2589 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni