Guerra in Ucraina
26 Gennaio 2023
12:15

Quanti soldati russi sono morti davvero nei primi 11 mesi di guerra in Ucraina

Secondo un’analisi condotta dalla BBC e da Mediazone nei primi 11 mesi di guerra sono morti circa 24mila soldati russi, 12.225 sono stati identificati. Per l’Ucraina i combattenti russi morti sono invece 123.860.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Secondo lo stato maggiore delle forze armate ucraine a partire dal 24 febbraio dello scorso anno sono morti 123.860 soldati e ufficiali russi. Ai decessi – sempre secondo l'Ucraina – andrebbe aggiunta la distruzione di 3.175 carri armati, 6.334 veicoli corazzati da combattimento, 2.169 sistemi di artiglieria, 292 aeroplani, 282 elicotteri, 1.902 droni e 18 imbarcazioni.

Ma si tratta di numeri reali, o di dati funzionali a tenere alto il morale delle truppe ucraine e dei civili asserragliati da quasi un anno nelle città? A questa domanda hanno provato a rispondere la BBC russa e il sito di giornalismo investigativo Mediazone, che il Cremlino considera "agente straniero", dunque tutt'altro che un media amico.

BBC: "Dall'inizio della guerra confermiamo 12.225 soldati russi morti"

Ebbene, al 23 gennaio BBC e Mediazone sono stati in grado di confermare 12.225 soldati e ufficiali russi morti, quasi un decimo rispetto ai decessi comunicati da Kiev: "Facciamo affidamento solo su rapporti di morte confermati, quindi i dati raccolti non riflettono il livello reale delle vittime. Partiamo dal presupposto che il nostro elenco possa contenere almeno il 40-60% in meno dei caduti rispetto a quelli effettivamente morti", chiariscono le due testate giornalistiche in un articolo pubblicato tre giorni fa, spiegando di aver analizzato la situazione soprattutto prendendo in esame i cimiteri di 60 insediamenti russi.

Dove sono sepolti i soldati russi morti. Fonte: BBC
Dove sono sepolti i soldati russi morti. Fonte: BBC

Pertanto, considerando i decessi accertati e quelli stimati, "la Russia potrebbe aver perso almeno 24mila uomini". A questi vanno aggiunti i feriti, i dispersi e tutti coloro che sono stati messi fuori combattimento. Si arriva così a 110mila soldati, dato ricavato a partire dalle stime dello United States Naval Research Laboratory, secondo il quale – ad ogni soldato russo morto durante la guerra in Ucraina – andrebbero aggiunti mediamente tre feriti e mezzo. Questa cifra non include coloro che hanno combattuto con le "milizie popolari" di Donetsk e Luhansk.

Decessi in aumento tra i mobilitati e i detenuti mandati a combattere

La gran parte delle perdite, secondo BBC e Mediazone, si sono verificate tra uomini mobilitati negli ultimi mesi e sottoposti a un addestramento molto frettoloso e superficiale. Molti decessi anche tra i mercenari del gruppo Wagner, in particolare tra i detenuti usciti dalle prigioni per arruolarsi e andare a combattere in Ucraina: "Negli ultimi due mesi, c'è stato un forte aumento del numero di segnalazioni di detenuti morti in Ucraina combattendo come membri del Wagner PMC. Un esempio lampante è il cimitero nel villaggio di Bakuskaya, nel territorio di Krasnodar. Vi sono sepolti i prigionieri che, per vari motivi, sono stati sepolti qui, e non nella loro regione natale. Il 20 dicembre sono state contate 47 tombe, ma il 15 gennaio erano già 180".

Un cimitero della Wagner a Baku
Un cimitero della Wagner a Baku

1.627 ufficiali russi morti: tra loro anche 4 generali

Secondo l'analisi indipendente della BBC dei 12.225 soldati russi identificati morti in Ucraina, 1.627 – pari quasi al 15% – sono ufficiali. Tra loro c'erano quattro generali e 52 colonnelli. Si tratta di perdite particolarmente alte soprattutto tra i giovani graduati, "che hanno dovuto prendere le principali decisioni tattiche sullo svolgimento delle battaglie. La maggior parte di questi erano ragazzi di 21-22 anni con grado di tenente, inesperti ma già costretti a decidere come raggiungere gli obiettivi fissati dal comando". Secondo gli analisti che hanno condotto lo studio la Russia è entrata in guerra con una grave carenza di personale addestrato. Di conseguenza molti comandanti sono costretti a partecipare alle battaglie insieme ai soldati e al pari dei sergenti, prendendo parte attivamente ai combattimenti. Questo spiega il numero elevato di ufficiali caduti nei primi 11 mesi del conflitto.

3468 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni