5.199 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
5 Marzo 2022
15:25

Putin: “Se l’Ucraina entrerà nella Nato si arriverà allo scontro tra Russia e Alleanza Atlantica”

La creazione di una No Fly Zone “sarà da noi considerata come partecipazione al conflitto armato (…) Li considereremo immediatamente come partecipanti al conflitto. E non importa di quali organizzazioni siano membri”: lo ha detto Vladimir Putin, in un chiaro riferimento alla Nato.
A cura di Annalisa Girardi
5.199 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La distruzione delle infrastrutture militari dell'Ucraina da parte dell'esercito russo "è quasi completata". A dirlo, il presidente russo Vladimir Putin. "Per prima cosa abbiamo distrutto l'infrastruttura militare. Non tutta, ma in parte. Magazzini con armi, munizioni, aviazione, sistemi di difesa aerea. Sistemi di difesa aerea, la loro eliminazione richiede un certo tempo, ma questa missione è praticamente completata". Lo ha detto durante un incontro con delle hostess delle compagnie aeree: seduto a un tavolo ovale e circondato da una ventina di assistenti di volo, Putin ha ribadito la necessità che l'Ucraina resti un Paese neutrale.

Putin ha poi messo in chiaro alcune cose riguardo alla No Fly Zone richiesta dal presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. Qualsiasi decisione in quel senso verrà interpretata da Mosca come partecipazione al conflitto armato, "e non importa di quali organizzazioni siano membri". E ancora: "Sentiamo dire che è necessario creare una No Fly Zone sul territorio dell'Ucraina. È impossibile farlo dal territorio dell'Ucraina, è possibile solo dal territorio di alcuni Stati vicini. Ma qualsiasi movimento in questa direzione sarà da noi considerato come partecipazione al conflitto armato del Paese dal cui territorio verranno create minacce ai nostri militari. Li considereremo immediatamente come partecipanti al conflitto. E non importa di quali organizzazioni siano membri", ha detto in un chiaro riferimento alla Nato.

Parlando proprio della Nato, Putin ha anche affermato che se l'Ucraina entrerà a fare parte dell'Alleanza, questo condurrà a uno scontro diretto tra Russia e il blocco Atlantico. Il presidente russo ha anche dichiarato, secondo quanto riportano alcune agenzie di stampa russe, che anche le sanzioni sono da interpretarsi come una dichiarazione di guerra.

Oggi ha parlato pubblicamente anche il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, che ha comunicato di essere in attesa di una risposta dalla controparte ucraina per quanto riguarda i negoziati che si dovrebbero tenere questo fine settimana. "Sul futuro è difficile commentare, al mio ottimismo si oppongono le dichiarazioni di Zelensky che vuole coinvolgere la Nato ma è dispiaciuto perché non interviene. Ora lui sta cercando di provocare il conflitto coinvolgendo la Nato. Lui decide in base a come si sveglia la mattina. Spero che il suo umore cambi, siamo in balia del suo umore", ha detto.

Per poi ribadire che la richiesta della Russia è quella di una "denuclarizzazione e denazificazione dell'Ucraina", il riconoscimento dell'appartenenza della Crimea al territorio russo e dell'indipendenza delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk.

5.199 CONDIVISIONI
2862 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni