1.837 CONDIVISIONI
22 Settembre 2022
13:46

Proteste in Russia dopo mobilitazione, oltre 1300 fermi: polizia usa la forza contro i manifestanti

Secondo la ong Ovd-Info, sono oltre 1300 i manifestanti fermati nelle scorse ore in 38 città della Russia dove sono scoppiate proteste in seguito all’annuncio di mobilitazione militare parziale. A San Pietroburgo la polizia ha usato la forza e i manganelli: ferito l’attivista Denis Sirenko.
A cura di Ida Artiaco
1.837 CONDIVISIONI

Continuano le proteste in tutta la Russia dopo l'annuncio di mobilitazione militare parziale fatta dal presidente Putin ieri.

Secondo la ong Ovd-Info al momento sono oltre 1300 i manifestanti fermati, di cui 500 solo a Mosca.

Inoltre, alcuni detenuti, soprattutto nella Capitale e nelle stazioni di polizia nei distretti di Sokolinaya Gora, Lyublino, Izmailovo, Yuzhnoye Tushino, Gagarinskoye e Prospekt Vernadsky, avrebbero ricevuto la convocazione da parte dell'ufficio di reclutamento militare. In altre parole, sarebbero stati arruolati con la forza.

Centinaia di persone sono scese in piazza in 38 città russe, dalla Siberia fino a Mosca e San Pietroburgo. La polizia è intervenuta perché le manifestazioni non autorizzate sono illegali secondo le leggi locali.

La funzionaria del ministero dell'Interno russo Irina Volk, in una dichiarazione citata dalle agenzie di stampa russe, ha affermato che gli agenti hanno interrotto i tentativi di inscenare quelle che hanno definito piccole proteste.

"In un certo numero di regioni, ci sono stati tentativi di organizzare azioni non autorizzate che hanno riunito un numero estremamente ridotto di partecipanti", ha precisato Volk.

L'ufficio del procuratore di Mosca ha avvertito che gli inviti su Internet a partecipare a proteste di strada non autorizzate, o la partecipazione ad esse, potrebbero comportare fino a 15 anni di carcere.

A San Pietroburgo, riferisce sempre Ovd-Info, le persone scese in piazza pacificamente sono state picchiate con manganelli, ma è ignoto il numero dei feriti.

Tra di loro c'è però anche l'attivista Denis Sirenko, che è finito in ospedale con un braccio rotto e punti.

Il movimento di opposizione alla guerra Vesna, che ha partecipato alle proteste, ha dichiarato: “Migliaia di uomini russi, nostri padri, fratelli e mariti, saranno gettati nel tritacarne della guerra. Per cosa moriranno? Per cosa piangeranno madri e bambini?”.

"Tutti hanno paura. Sono per la pace e non vogliono dover sparare. Ma uscire allo scoperto ora è molto pericoloso, altrimenti ci sarebbero molte più persone", ha detto invece all'AFP Vasily Fedorov, uno studente che manifestava indossando un simbolo pacifista sul petto.

1.837 CONDIVISIONI
Proteste in Russia contro la mobilitazione, oltre 1.000 persone fermate: “In trincea mandateci Putin”
Proteste in Russia contro la mobilitazione, oltre 1.000 persone fermate: “In trincea mandateci Putin”
Proteste in Russia contro Putin, repressione violenta della polizia: oltre 300 persone fermate
Proteste in Russia contro Putin, repressione violenta della polizia: oltre 300 persone fermate
7.231 di Cronaca Estera
Cos'è la mobilitazione parziale annunciata da Putin in Russia e cosa comporta
Cos'è la mobilitazione parziale annunciata da Putin in Russia e cosa comporta
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni