Covid 19
12 Gennaio 2022
15:31

Omicron, altro che raffreddore: in Spagna 1/4 dei letti terapia intensiva occupato da malati Covid

Canarie, Navarra, Paesi Baschi, Aragona e Cantabria sono le comunità spagnole con i più alti tassi di ricoveri di pazienti Covid.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez nei giorni scorsi ha annunciato che è tempo di pensare a un nuovo paradigma: "Dobbiamo valutare l'evoluzione del Covid verso una malattia endemica", ha dichiarato, anche se non è chiaro come e quando ciò sarà realmente possibile. Come molti altri leader europei, anche quello iberico sembra intenzionato a lasciar circolare il virus senza imporre nuove restrizioni, nella convinzione che Omicron causi una malattia più lieve delle varianti che l'hanno preceduta. Ma qual è la situazione negli ospedali spagnoli? Tutt'altro che rosea e ben diversa da quella che si avrebbe con una semplice influenza stagionale: mai infatti erano stati raggiunti livelli altrettanto alti di ricoveri dall'inizio della campagna vaccinale, soprattutto nelle comunità delle Canarie, Navarra, Paesi Baschi, Aragona e Cantabria. Cresce di giorno in giorno anche l'occupazione nelle unità di terapia intensiva: in 26 province è stata superata la soglia del 25% dei posti letto occupati dai pazienti Covid.

Come nel resto d'Europa a fare la differenza anche in Spagna sono state le vaccinazioni: nel corso della terza ondata, proprio ora un anno fa, negli ospedali spagnoli c'erano oltre 27mila pazienti Covid nei reparto di area medica e circa 5mila in quelli di terapia intensiva. Ora, nonostante le infezioni siano più del triplo di quelle di un anno fa, ci sono 14mila pazienti in area medica e 2mila in rianimazione. La percentuale di contagiati che peggiorano e finiscono in ospedale è oggi sensibilmente più bassa. Ci sono tuttavia delle eccezioni, come le regioni sopra citate in cui i ricoveri sono oggi superiori anche rispetto a un anno fa.

Insomma, se è vero che la variante Omicron causa una malattia più lieve, è altrettanto vero che la mole di contagi sta mettendo in crisi il sistema sanitario spagnolo. Come sottolinea Antoni Trilla, epidemiologo dell'Hospital Clínico de Barcelona: "Quando c'è un numero così alto di infezioni, non importa quanto sia grave la malattia, perché essa rimane complessa da gestire".

29555 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni