139 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
9 Giugno 2022
09:03

Oltre un miliardo e mezzo di persone subiscono le conseguenze della guerra in Ucraina

“L’impatto della guerra sulla sicurezza alimentare, l’energia e la finanza è sistemico, grave e sta accelerando: la guerra in Ucraina deve finire”. A dirlo il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres, ricordando che 1,6 miliardi di persone risentono delle conseguenze del conflitto in tutto il pianeta.
A cura di Davide Falcioni
139 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"L'impatto della guerra sulla sicurezza alimentare, l'energia e la finanza è sistemico, grave e sta accelerando: la guerra in Ucraina deve finire". A dirlo il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres, ricordando che 1,6 miliardi di persone risentono delle conseguenze del conflitto in tutto il pianeta, soprattutto per le ricadute gravissime sull'accesso al cibo. "A tre mesi dall'invasione russa dell'Ucraina, ci troviamo di fronte a una nuova realtà: chi è sul campo, ogni giorno subisce nuovi spargimenti di sangue e sofferenze, e per le persone in tutto il mondo, la guerra, insieme alle altre crisi, minaccia di scatenare un'ondata senza precedenti di fame e indigenza, lasciando dietro di sé il caos sociale ed economico", ha detto il Segretario generale dell'Onu, spiegando inoltre di aver chiesto ai leader mondiali di aiutare a trovare "un pacchetto che consenta l'esportazione sicura di cibo prodotto dall'Ucraina attraverso il Mar Nero e l'accesso senza ostacoli ai mercati globali per il cibo e i fertilizzanti russi". Tale accordo è "essenziale" per centinaia di milioni di persone nei paesi in via di sviluppo, compresa l'Africa sub-sahariana. Il rapporto delle Nazioni Unite presentato da Guterres afferma che 94 paesi, che ospitano circa 1,6 miliardi di persone, sono "gravemente esposti ad almeno una dimensione della crisi e incapaci di farvi fronte". Il rapporto afferma che la guerra potrebbe aumentare il numero di individui in condizioni di insicurezza alimentare di 47 milioni di persone nel 2022, portandolo a 323 milioni entro la fine dell'anno.

ONU: "Rischio di disordini sociali in tutto il mondo"

Rebeca Grynspan, responsabile del settore commercio dell'ONU, ha aggiunti che è quella attuale è "una corsa contro il tempo" e che l'inazione avrà conseguenze catastrofiche. La crisi potrebbe innescare un "ciclo di disordini sociali che porteranno all'instabilità politica" , ha avvertito, spiegando che circa il 60% dei lavoratori e delle lavoratrici in tutto il mondo ha già un reddito reale inferiore rispetto a prima della pandemia: ciò significa che milioni di famiglie devono scegliere se saltare i pasti, tenere i bambini a scuola o pagare le spese mediche, ad esempio. "L'attuale crisi alimentare potrebbe trasformarsi rapidamente in una catastrofe alimentare di proporzioni globali nel 2023", ha affermato la signora Grynspan, aggiungendo che se la guerra continuerà e i prezzi elevati di grano e fertilizzanti saliranno nella prossima stagione di semina, si verificherà una carenza di altri alimenti di base come il riso, che colpirà altri miliardi in tutto il mondo.

139 CONDIVISIONI
2701 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni