897 CONDIVISIONI
Coronavirus
21 Giugno 2021
18:41

Margaret, prima vaccinata al mondo contro il Covid: “Fate il vaccino, proteggete voi e agli altri”

Nonna Margaret Keenan, 91 anni residente a Coventry, in Inghilterra, lo scorso 8 dicembre è stata la prima persona al mondo a ricevere il vaccino contro il Covid-19. “Non aver paura di un ago. Si tratta solo per salvare la tua vita e salvarne altre”, ha detto l’anziana alla trasmissione ‘Bbc Breakfast’.
A cura di Biagio Chiariello
897 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

"Qualunque cosa tu abbia pensato prima" sulle vaccinazioni, adesso "per favore fai il vaccino". A parlare è Margaret Keenan, 91 anni, la prima donna al mondo ad avere ricevuto l'iniezione contro il Covid-19 (al di fuori di una sperimentazione clinica). Era l'8 dicembre quando all'anziana signora britannica fu somministrata la prima dose di Pfizer/BioNTech (la seconda è arrivata il 29 dicembre 2020). Ed or lancia un appello a chi ancora non si è vaccinato: "Non aver paura di un ago. Si tratta solo per salvare la tua vita e salvarne altre", ha detto a ‘Bbc Breakfast'.

Già al momento della prima iniezione, Margaret aveva spiegato che non lo faceva solo per sé, ma "per tutti e per il Servizio sanitario nazionale". Aveva sottolineato che riteneva "molto importante vaccinarsi", che sperava di inaugurare una campagna vaccinale di successo. Sei mesi dopo, nel Regno Unito oltre 40 milioni di persone – 3 quarti della popolazione adulta – hanno ricevuto una prima dose di vaccino contro il Coronavirus e 28 milioni hanno fatto anche il richiamo. May Parsons, capo infermiera che ha somministrato il vaccino a Margaret, ricorda come "un privilegio assoluto" averle fatto la prima iniezione e dice che da allora lei e la signora Keenan sono diventate "amiche".

"Il nostro Servizio sanitario nazionale è come una gemma preziosa e dobbiamo prendercene – esorta la 91enne – E' qualcosa di cui dovremmo essere orgogliosi", assicura ricordando tutte le difficoltà di lotta in prima linea contro la pandemia: "Tutti sono rimasti a casa mentre noi eravamo qui, abbiamo lavorato e continuiamo a farlo nel miglior modo possibile. Non c'è stata tregua per noi", ma ora "il successo della vaccinazione è la testimonianza di ciò che tutti insieme possiamo ottenere".

897 CONDIVISIONI
26073 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni