1.118 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Ucraina, Lavrov dice che la terza guerra mondiale nucleare si sta avvicinando

Per il ministro degli Esteri russo la terza guerra mondiale è “un pericolo reale” anche se per Mosca sarebbe “inaccettabile”. Poi Lavrov ha attaccato la Nato: “Forniscono le armi all’Ucraina, sono già in guerra per procura contro la Russia”.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.118 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Sarebbe inaccettabile, ma è un pericolo reale. Lo spettro della terza guerra mondiale torna a essere agitato dalle parti di Mosca, questa volta dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Mentre l'offensiva in Ucraina prosegue, i toni tra Putin e l'Occidentesoprattutto gli Stati Uniti – continuano a peggiorare e i negoziati tra Mosca e Kiev si sono interrotti nei fatti da giorni. È ormai evidente che entrambe le parti vogliono sedersi al tavolo con un risultato acquisito e più potere di trattativa. Ma intanto il ministro Lavrov ha lanciato un messaggio chiaro: "C'è il pericolo reale di una terza guerra mondiale", ma "una guerra nucleare sarebbe inaccettabile per la Russia".

Lavrov si è poi rivolto direttamente all'Occidente e soprattutto agli Usa: "Questa è la nostra posizione di principio. I rischi sono molto, molto significativi e non mi piacerebbe che venissero gonfiati artificialmente, e in questo sono in tanti a volerlo. Il pericolo è grave, è reale, non si può sottovalutare". Per il ministro russo quanto fatto dalla Nato finora è molto grave: "Fornendo le armi all'Ucraina è già entrata in una guerra per procura contro la Russia".

Il ministro degli Esteri ha poi garantito che la Russia proseguirà nei negoziati di pace con l'Ucraina: "La buona volontà ha i suoi limiti – ha attaccato Lavrov – E se non è reciproca questo non contribuirà al processo negoziale, ma noi continueremo a portare avanti negoziati con la delegazione di Zelensky e i contatti proseguiranno". Poi il ministro russo ha accusato il presidente ucraino di "fingere" di negoziare: "È un buon attore". Secondo Lavrov, alla fine, si arriverà comunque a un compromesso: "Come in ogni situazione in cui vengono utilizzate le forze armate, ovviamente, tutto finirà con un accordo, ma i parametri di questo trattato saranno determinati dalla fase delle ostilità in cui questo accordo diventerà realtà". La Russia, però, non farà alcun passo indietro.

1.118 CONDIVISIONI
4310 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views