1.222 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
8 Settembre 2022
09:20

L’accusa di USA e ONU alla Russia: “Sta deportando migliaia di cittadini ucraini con la forza”

Migliaia di persone sarebbero state deportate con la forza dall’Ucraina. A lanciare l’accusa la portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre. L’ONU conferma: “Il nostro Ufficio ha documentato a numero significativo di casi di civili ucraini sfollati in Russia”.
A cura di Davide Falcioni
1.222 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Migliaia di persone sarebbero state deportate con la forza dall'Ucraina. A lanciare l'accusa la portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, in un briefing con la stampa che si è svolto ieri. "Nostre informazioni di intelligence ci dicono che Mosca usa campi di filtrazione nell’est dell’Ucraina e nell’ovest della Russia per trasportare con la forza ucraini nel Paese", ha detto. Con il proprio ambasciatore alle Nazioni Unite gli Stati Uniti chiederanno lo stop immediato a tali pratiche e "l’accesso di osservatori umanitari" nei campi usati dalla Russia in Ucraina e nel suo territorio, ha aggiunto Jean-Pierre.

Non si è fatto attendere un commento da parte del capo degli affari politici dell’Onu, Rosemary DiCarlo, al Consiglio di Sicurezza. "Le persistenti accuse di sfollamenti forzati, deportazione e i cosiddetti ‘campi di filtrazione’ gestiti dalla Russia e forze locali affiliate sono estremamente inquietanti. Tali segnalazioni devono essere esaminate con la collaborazione del autorità competenti".

Ilze Brands Kehris, segretario generale aggiunto dell’Onu per i diritti umani, ha aggiunto che "il nostro Ufficio ha documentato a numero significativo di casi di civili ucraini sfollati in Russia, inclusi una decina di casi in cui membri delle forze armate russe e gruppi armati affiliati hanno ordinato ai civili di Mariupol di lasciare le loro case o rifugi e li hanno portati nel territorio ucraino sotto il loro controllo, o in Russia". "Ci sono state accuse credibili di trasferimenti forzati di bambini non accompagnati verso i territori occupati, o in Russia – ha aggiunto – Siamo preoccupati che le autorità di Mosca abbiano adottato una procedura semplificata per concedere la cittadinanza ai bambini senza cure parentali, e che questi abbiano diritto all’adozione da parte di famiglie russe".

Inoltre, ha spiegato che il suo ufficio ha "verificato che le forze armate di Mosca e i gruppi armati affiliati sottopongono i civili alla cosiddetta ‘filtrazione‘, un sistema di controlli di sicurezza e di raccolta di dati personali. Siamo preoccupati che tali controlli e le detenzioni che ne possono seguire, avvengano al di fuori di ogni quadro giuridico".

1.222 CONDIVISIONI
3132 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni