2.663 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
26 Maggio 2022
12:17

La strage dei bambini in Ucraina: 240 uccisi. Altri 230mila rapiti dai soldati di Putin

La Russia sta portando i bambini ucraini nel suo territorio “per distruggere l’Ucraina”. Lo ha detto Serhiy Dvornik, consigliere della Missione permanente dell’Ucraina presso le Nazioni Unite.
A cura di Biagio Chiariello
2.663 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Almeno 230mila bambini ucraini rapiti dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina, il 24 febbraio scorso, e 240 quelli uccisi (ieri erano 238), a cui si aggiungono 436 sono stati feriti. La denuncia arriva dal Consigliere della missione permanente ucraina presso l'Onu, Sergiy Dvornyk, nel corso di un dibattito tenuto ieri al Palazzo di Vetro sulla protezione dei civili durante i conflitti armati. Lo riporta l'agenzia di stampa Ukrinform. "Il rapimento di almeno 230mila bambini ucraini, tra gli 1,4 milioni di cittadini ucraini deportati con la forza in Russia, è un crimine volto a distruggere la nazione ucraina...", ha detto Dvornyk.

Chiaramente i numeri non sono definitivi a causa delle ostilità in corso. Gli ultimi due bambini uccisi si trovavano su auto civili colpite da bombe nella regione di Mykolaiv. Il maggior numero di vittime è stato registrato nelle regioni di Donetsk, Kiev, Kharkiv, Chernihiv. Dei 240 bambini che hanno perso la vita nei tre mesi di invasione russa, più di 150 sono morti nella regione di Donetsk, ha spiegato il procuratore generale. La cifra è significativamente più alta che in qualsiasi altra regione del Paese.

Nel suo intervento Dvornyk ha ricordato che decine di migliaia di civili hanno perso la vita e molti altri sono rimasti feriti dai colpi dell'artiglieria russa e nei raid contro le città ucraine. Quasi 220.000 persone non hanno più una casa, ha proseguito, e milioni di cittadini ucraini sono stati costretti a lasciare le aree occupate o colpite dalla guerra. Attualmente, gli sfollati interni sono 8 milioni, mentre 6,5 milioni hanno lasciato l'Ucraina come rifugiati. "Non abbiamo dubbi sul fatto che nelle strategie di guerra russe questa crisi dei rifugiati sia considerata come uno degli esiti positivi – ha commentato il diplomatico -. Oltre alla crisi alimentare".

La Russia attacca deliberatamente i civili ucraini nell'ambito della sua "strategia di guerra in stile nazista", ha commentato. "Uccisioni, torture e detenzioni illegali, deportazioni forzate, privazione dei diritti di proprietà, allarmanti violazioni dei diritti umani nei territori occupati, attacchi contro le infrastrutture civili in tutta l'Ucraina, esproprio di grano agli agricoltori locali: questo non è un elenco completo dei crimini russi contro i civili in Ucraina", ha proseguito.

2.663 CONDIVISIONI
2703 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni