12.672 CONDIVISIONI
4 Luglio 2022
10:53

La storia di George Stinney jr, condannato a morte a soli 14 anni da innocente

Fu giustiziato sulla sedia elettrica per l’omicidio di due bambine nel 1944. Il processo durò meno di due ore, la giuria era composta da bianchi. Nel 2014, il tribunale ha provato la sua innocenza.
12.672 CONDIVISIONI

Si chiamava George Junius Stinney Jr, aveva solo 14 anni quando lo stato della Carolina del Sud lo uccise da condannato a morte, giustiziato sulla sedia elettrica il 16 giugno 1944. Una storia tragica che consegnò il nome di George come quello della più giovane persona condannata a morte nel Novecento negli Stati Uniti.

Condannato da innocente

Fu condannato per l'omicidio di Betty June Binnicker, 11 anni e di Mary Emma Thames, 7 anni. Il processo durò poco meno di due ore, la giuria era di soli bianchi: al momento dell'arresto, Stinney confessò il doppio omicidio. Nel 2014, a settant'anni dalla morte del ragazzino, il caso è stato riaperto e la sua innocenza è stata provata da un giudice del tribunale della Carolina del Sud. Gli agenti di polizia lo avevano costretto a confessare un crimine che non aveva commesso, al fine di coprire il reale assassino.

George Stinney jr
George Stinney jr

Il processo non fu regolare

La validità della sua confessione e la regolarità del processo giudiziario furono immediatamente messe in dubbio, così come la condanna e l'esecuzione di un minore fece grande scalpore. Durante il processo, durato meno di due ore, così come nel giorno della sua esecuzione, il ragazzino teneva tra le mani la Bibbia, ripetendo ossessivamente di essere innocente. Per questo, gli attivisti in supporto della famiglia Stinney non si sono mai stancati di cercare la verità. Nel 2014, il giudice confermò che l'esecuzione di un quattordicenne costituiva "una punizione crudele", proibita ai sensi dell'VIII emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America.

L'esecuzione barbara

George Stinney Jr, prima dell'esecuzione, trascorse 81 giorni in prigione senza poter mai vedere i suoi genitori. Fu tenuto in isolamento, a cento chilometri dalla sua città d'origine. Il giorno della condanna era solo, senza la presenza dei suoi genitori o di un avvocato.

12.672 CONDIVISIONI
Uccideva i bambini che avrebbe dovuto curare, la storia dell’infermiera “Angelo della morte”
Uccideva i bambini che avrebbe dovuto curare, la storia dell’infermiera “Angelo della morte”
Meloni dice che la destra ha consegnato il fascismo alla storia e ha condannato le leggi razziali
Meloni dice che la destra ha consegnato il fascismo alla storia e ha condannato le leggi razziali
Bimba di 9 anni accoltellata a morte da sconosciuti in pieno giorno: orrore in strada
Bimba di 9 anni accoltellata a morte da sconosciuti in pieno giorno: orrore in strada
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni