Conflitto in Ucraina
27 Maggio 2022
19:18

La NATO invierà armi all’Ucraina “fino a quando sarà necessario”

Il vicesegretario generale della NATO, Mircea Geoana, ha dichiarato che i Paesi dell’Alleanza continueranno a inviare armi all’Ucraina “fino a quando sarà necessario”.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La NATO continuerà ad inviare armi all'Ucraina "fino a quando sarà necessario". Ad annunciarlo oggi il vicesegretario generale dell'Alleanza, Mircea Geoana, che in un’intervista esclusiva rilasciata al Tg3 ha rilanciato il controverso tema dell’invio di armi. "È un processo che è iniziato a Ramstein – ha detto Geoana – e noi continueremo ad aiutare l'Ucraina in termini militari, ma anche dal punto di vista umanitario e finanziario". Il vicesegretario generale ha confermato poi la linea della Nato: "Come ho già detto e come ha dichiarato anche il segretario Stoltenberg, l’Ucraina può vincere questa guerra". Geoana ha poi aggiunto: "Noi incoraggiamo ogni tentativo che possa portare a un accordo politico per fermare questa guerra. Alla fine ci sarà una soluzione politica ma purtroppo al momento non vediamo le condizioni politiche" per un accordo. Secondo il numero due della Nato, infatti, "le posizioni dei due Paesi sono ancora molto distanti". Nell’intervista Geoana ha ringraziato l’Italia per "il grande contributo che dà all’alleanza", ricordando il suo ruolo strategico sul fronte orientale, ma anche l’impegno militare in Iraq e Kosovo.

Gli USA pronti a inviare armi più potenti a Kiev

Oltre alla Nato anche l'amministrazione Biden si starebbe preparando a potenziare il tipo di armi da inviare all'Ucraina. A renderlo noto la Cnn. Gli Stati Uniti potrebbero inviare a Kiev "sistemi missilistici avanzati a lungo raggio che sono la principale richiesta dei funzionari ucraini in questo momento", ha spiegato la testata. La Casa Bianca, si legge, "è favorevole all'invio dei sistemi come parte di un più ampio pacchetto di assistenza militare e di sicurezza, che potrebbe essere annunciato già la prossima settimana". Stando a quanto riportato dalla Cnn, nelle ultime settimane alti funzionari ucraini, incluso il presidente Volodymyr Zelensky, hanno chiesto agli Stati Uniti e ai loro alleati di fornire il ‘Multiple Launch Rocket System, o MLRS': "I sistemi d'arma fabbricati negli Stati Uniti possono sparare una raffica di razzi per centinaia di chilometri – molto più lontano di qualsiasi altro sistema già presente in Ucraina – e secondo gli ucraini potrebbe essere un punto di svolta nella loro guerra contro la Russia", si afferma, aggiungendo come, secondo quanto dichiarato da alcuni funzionari, "l'amministrazione Biden ha rinunciato per settimane tuttavia all'opportunità di inviare i sistemi, viste le preoccupazioni sollevate all'interno del Consiglio di sicurezza nazionale che l'Ucraina potesse utilizzare i sistemi per effettuare attacchi offensivi all'interno della Russia".

2595 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni