817 CONDIVISIONI
Covid 19
18 Gennaio 2022
10:42

“La fine della pandemia non è lontana”: le parole dell’Oms di fronte ai contagi in calo in Uk

Nel Regno Unito dopo il boom di casi registrato a dicembre e collegato alla variante Omicron si assiste ad un calo dei positivo e si va verso l’eliminazione delle restrizioni. Nabarro (Oms): “Situazione che dà speranza, fine non è lontana”.
A cura di Ida Artiaco
817 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Quello che sta succedendo nel Regno Unito dà speranza al mondo intero per quanto riguarda la fine della pandemia d Covid-19. Lo ha detto David Nabarro, massimo esperto e inviato speciale dell'Oms per il Covid-19, commentando il calo dei contagi che si tra registrando in Gran Bretagna. Intervenendo alla BBC, ha spiegato che "la fine della pandemia è a portata di mano anche se ci vorrà tempo. L'obiettivo a cui puntiamo tutti è una situazione in cui questo virus è presente, ma la vita è organizzata in modo che non venga interrotta". Ma cosa sta succedendo concretamente oltremanica?

Dopo un forte aumento dei contagi a dicembre guidato dalla più contagiosa variante Omicron, i casi giornalieri sono ora in calo. Il numero totale di casi negli ultimi sette giorni è diminuito del 41,7% rispetto alla settimana precedente e ancora ieri sono stati segnalati meno di 100mila casi in 24 ore per il quarto giorno consecutivo. Secondo il esperti è stato raggiunto il famoso plateau. Anche il numero di pazienti ricoverati in ospedale con Covid sembra stabilizzarsi, con il totale settimanale in calo del 2%, sebbene queste cifre siano aggiornate all'11 gennaio. Ad aumentare invece sono i decessi: +38,7% di vittime negli ultimi sette giorni rispetto alla settimana precedente.

Sempre Nabarro ha sottolineato che "dobbiamo solo stare attenti con i numeri e, soprattutto, cercare di vedere cosa sta succedendo negli ospedali e se i tassi di mortalità stanno ricominciando a salire". L'unico modo per mantenere la situazione sotto controllo è continuare a usare le mascherine e rispettare l'isolamento se si risulta positivi al virus. "Per favore, continuate a considerare il Covid con attenzione, perché non penso che questo sia un virus lieve e nessuno dovrebbe trattarlo alla leggera in questo momento". Importante è anche continuare con le vaccinazioni:  al momento il 91% delle persone di età pari o superiore a 12 anni nel Regno Unito ha ricevuto la prima dose di vaccino, l'83% la seconda e il 63% la dose booster.

Per quanto riguarda i prossimi step nella gestione della pandemia, "il piano è quello di rimuovere tutte le restrizioni, compresi i pass vaccinali, salvo due eccezioni. Potrebbe comunque rimanere il tampone negativo per alcuni casi particolari, così come l’uso delle mascherine: una raccomandazione, non obbligo. Inoltre, è in corso un dibattito sull’obbligo vaccinale imposto agli operatori sanitari", ha spiegato in una intervista a Il Fatto Quotidiano il professor Robert Dingwall, già membro della Commissione governativa inglese per le vaccinazioni e le immunizzazioni (Jcvi) e tra i maggiori esperti di sociologia medica e politiche sanitarie.

817 CONDIVISIONI
31051 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni