2.769 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
10 Giugno 2022
16:14

Kiev ammette: “Perdiamo tra i 100 e i 200 soldati al giorno”

L’Ucraina sta perdendo in battaglia tra i 100 e i 200 soldati al giorno. A rivelarlo, in un’intervista alla Bbc, è stato Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky.
A cura di Davide Falcioni
2.769 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

L’Ucraina sta perdendo in battaglia tra i 100 e i 200 soldati al giorno. A rivelarlo, in un’intervista alla Bbc, è stato Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky, secondo cui le forze armate di Kiev per combattere con i russi hanno bisogno di centinaia, non di una manciata, dei più potenti sistemi d’artiglieria che l’Occidente può fornirle, e che finora sono arrivati con il contagocce. "Le truppe ucraine sono sotto bombardamenti incessanti, mentre le forze russe tentano di prendere il controllo dell'intero Donbass", ha detto Podolyak, spiegando che i nemici "hanno impiegato praticamente tutto ciò che non è nucleare: artiglieria pesante, sistemi multipli di lancio di razzi e aviazione". Il consigliere di Zelensky ha quindi aggiunto che "le nostre richieste di armi pesanti non sono solo una sorta di capriccio ma una necessità oggettiva quando derivante della situazione sul campo di battaglia". L'Ucraina ha bisogno di 150-300 sistemi di lancio di missili per affrontare la Russia – un numero di armamenti molto più alto rispetto a quello finora ricevuto dall'Occidente.

Perché l'Ucraina chiede armi pesanti

Ma per quale motivo l'Ucraina sta continuando a chiedere sistemi d'artiglieria? A spiegarlo a Fanpage.it il professor Gastone Breccia, storico ed esperto di teoria militare: "Da quando i russi hanno iniziato la seconda fase della guerra si sono riposizionati ed hanno avviato un'attività metodica di bombardamenti e piccole avanzate villaggio per villaggio, senza correre rischi eccessivi. In questo quadro le armi pesanti sono fondamentali per indebolire le difese ucraine. Un tempo si diceva che ‘l'artiglieria conquista e la fanteria occupa'. L'artiglieria ha un'importanza fondamentale in una guerra di posizione. Gli ucraini chiedono sistemi d'arma a lunga gittata, finora arrivati col contagocce, perché così possono organizzare il fuoco di controbatteria e distruggere le postazioni d'artiglieria russe. Si tratta di un aspetto molto importante: senza queste contromisure i russi possono posizionare i loro cannoni, regolare la misura del tiro e colpire con una buona probabilità di successo. Un fuoco di controbatteria imporrebbe invece loro di spostarsi continuamente, prendere la mira e perdere tempo e precisione". Senza pezzi d'artiglieria gli ucraini saranno costretti a cedere terreno poco a poco.

2.769 CONDIVISIONI
2690 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni