568 CONDIVISIONI
Coronavirus
2 Luglio 2021
19:43

In Brasile sono state somministrate circa 26mila dosi di vaccini anti-Covid scaduti

In Brasile sono state somministrate migliaia di dosi di vaccino anti-Covid di AstraZeneca scadute. Si tratta, riporta il quotidiano “Folha de Sao Paulo”, di otto lotti, uno dei quali scaduto il 29 marzo. In generale, si considera che il vaccino scaduto non produce i suoi effetti e chi lo ha assunto dovrà sottoporsi a una nuova iniezione.
A cura di Susanna Picone
568 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

In Brasile sono state somministrate migliaia di dosi di vaccino anti-Covid scadute. Le autorità sanitarie locali hanno riportato la somministrazione di almeno 26.000 dosi scadute di vaccini AstraZeneca. Secondo quanto riporta il quotidiano "Folha de Sao Paulo", si parla di otto lotti di vaccini, uno dei quali scaduto il 29 marzo scorso. Il 4 giugno la data di scadenza di un altro lotto. Si tratta di una parte residuale dei 3,9 milioni di dosi comprese nei lotti incriminati, dal momento che il grosso dei vaccini era stato già somministrato entro tempi previsti. Rimangono fuori però circa 140.000 fiale che non erano state somministrate entro il 19 giugno. Secondo il giornale, per ora non si sa se i centri vaccinali le abbiano usate o meno. Si considera, in generale, che il vaccino scaduto non produce i suoi effetti e chi lo ha assunto dovrà sottoporsi a una nuova iniezione, passati almeno 28 giorni.

Come sta andando la campagna vaccinale in Brasile

Alla data di ieri, 1 luglio, 74.539.876 persone avevano ricevuto la prima dose di vaccino contro il Coronavirus in Brasile, pari al 35,20 per cento della popolazione, 25.944.570 persone anche la seconda dose, e 636.015 persone hanno ricevuto un vaccino che prevede una sola somministrazione. Complessivamente la percentuale di brasiliani completamente immunizzati è del 12,55 per cento.

I contagi e le vittime per Covid-19

Giugno si è confermato il quarto mese più letale da inizio pandemia, quello precedente di maggio era stato il terzo più letale. I primi due mesi con il maggiore numero di vittime di Covid da inizio pandemia si confermano invece aprile 2021, con 82.401 morti, e marzo 2021, con 66.686 morti. Nelle ultime 24 ore sono state accertate 2.029 vittime: il bilancio complessivo di morti per Covid in Brasile raggiunge quota 520.095. Per quanto riguarda i contagi, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 65.163 nuovi casi da coronavirus. Sommando i dati forniti dai dipartimenti della Salute dei 27 stati, il bilancio si è attestato ad almeno18.622.304 casi. La media giornaliera di nuovi contagi ha raggiunto negli ultimi sette giorni quota 54.115 contagi quotidiani, in calo del 24 per cento rispetto alle precedenti due settimane. Si tratta della media più bassa registrata dal 27 febbraio. Il tasso di incidenza, in crescita costante dall'inizio della pandemia, ha continuato a crescere raggiungendo gli 8.861 contagi per centomila abitanti. Il tasso di mortalità è salito attestandosi a 247 per centomila abitanti, mentre il tasso di letalità è al 2,8 per cento.

568 CONDIVISIONI
27018 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni