992 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
16 Novembre 2022
13:27

Il missile in Polonia ha colpito un’azienda italo-polacca: uccisi due operai di 58 e 60 anni

Si chiamavano entrambi Bogdan le due vittime del missile in Polonia. Si tratta di un trattorista e un magazziniere dipendenti di una ditta italo-polacca che si occupa di agricoltura ed erano residenti in zona.
A cura di Antonio Palma
992 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Il missile caduto in Polonia a Przewodow, nell'est del Paese, al confine con l’Ucraina, ha colpito un'azienda agricola italo-polacca che opera in zona da decenni, uccidendo due operai della ditta, un 58enne e un 60enne residenti del posto. Lo ha confermato all'Ansa il segretario del comune di Dolchobyczow, nell'ambito del quale si trova Przewodow.

La ditta per cui lavoravano le due vittime del missile in Polonia appartiene a una società italo-polacca che affitta il terreno di un ex kolchoz. I due uomini morti raggiunti dall’esplosione, dipendenti della stessa azienda Agrocom con sede nel vicino villaggio di Setniki, stavano lavorando proprio nei campi quando nel primo pomeriggio il razzo ha colpito aprendo una voragine e distruggendo uno dei trattori.

Le due vittime sono state identificate di media locali come Bogdan W., un residente di Przewodowo e Bogdan C. del villaggio di Setniki.

“Sono morti due nostri dipendenti, un trattorista e un magazziniere”  ha confermato a Dziennik Federico Viola, vicepresidente di Agrocom. “È una notizia davvero triste. Lavorano con noi dall'inizio, dal 2000. Avevano 58 e 60 anni, avevano una famiglia. Uno di loro viveva a Przewodów, l'altro a pochi chilometri di distanza” ha aggiunto.

Secondo il vicepresidente dell’azienda agricola, che si occupa di coltivazione ma anche allevamento, intorno alle 15.40 il proiettile ha colpito il rimorchio di un trattore mentre lui era nell’azienda, devastando tutto. Alla guida del mezzo vi era proprio Bogdan C. che lavorava in un impianto di essiccazione del grano in cui il collega era magazziniere.

Una tragedia che ha scontato la tranquillità di un piccolo centro rurale che è abituato ormai alla guerra che dista pochi chilometri ma dove nessuno si aspettava di vedere piovere un missile all’improvviso.

“Alcuni dicevano che forse era scoppiata una ruota, altri che era una bombola di gas. Nessuno pensava che potesse essere un razzo. Forse perché in qualche modo ci siamo un po' abituati a questa guerra. Quando ho sentito la conferma che si trattava di un razzo, sono rimasta sorpresa” ha raccontato al quotidiano Gazeta Wyborcza una insegnante di una scuola di Przewodów.

La donna ha aggiunto che conosceva entrambi gli uomini che sono morti. “Il signor Bogdan, quello che viveva a Przewodów, era un uomo meraviglioso. Per tutta la vita ha aiutato tutti”.

“È difficile descrivere quello che provo ora” sono le uniche parole della moglie di uno degli uomini uccisi. “È una grande tragedia nella vita della nostra comunità. Conoscevo entrambe le vittime e le loro famiglie. Erano persone estremamente gentili e coinvolte nella vita della comunità” ha dichiarato il parroco della locale parrocchia.

Nel villaggio è stato dichiarato un periodo di lutto di tre giorni e ancora oggi manca l'elettricità a causa dello scoppio su cui indaga la polizia polacca con l’aiuto degli esperti statunitensi. I primi risultati preliminari indicano che si tratta di un missile di difesa antiaerea ucraino sparato per intercettare missile russo.

992 CONDIVISIONI
3299 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni