236 CONDIVISIONI
10 Maggio 2022
16:32

I rifugiati rom ucraini cacciati da autobus e centri di accoglienza in Polonia: “Discriminati e accusati di furto”

Per i rifugiati di etnia rom fuggiti dall’Ucraina è difficile trovare strutture che vogliano accoglierli. Almeno un centinaio di profughi arrivati a Cracovia sono ospiti di un ostello affittato da un donatore statunitense. L’Ong Salam Lab si occupa di loro e denuncia discriminazioni. “I profughi rom spesso cacciati anche dagli autobus, le autorità non ci aiutano”
A cura di Gabriella Mazzeo
236 CONDIVISIONI

Sono quasi un centinaio i rom ospiti in un ostello a Cracovia. Tutti hanno lasciato l'Ucraina a causa della guerra per raggiungere la Polonia. Quelli che sono riusciti a lasciare il Paese, spesso devono confrontarsi con il pregiudizio. Quasi tutti restano confinati nella struttura che ha offerto loro un bagno caldo e un letto nel quale dormire. Prima dell'invasione, quell'ostello garantiva alloggi economici agli studenti europei in viaggio. La maggior parte dei profughi accolti è composta da donne, spesso con figli al seguito.

Alcune di loro sono riuscite a trovare un impiego in una fabbrica che lavora la carne e produce salsicce per hot dog, ma molti altri profughi di etnia rom non sono riusciti a trovare né un posto dove dormire né un impiego provvisorio. Mariam Masudi, impegnata nella gestione dell'ostello preso in affitto per l'accoglienza da un donatore privato statunitense e coordinatrice della Ong Salam Lab, ha sottolineato di non avere le possibilità di offrire un rifugio a tutti coloro che non sanno dove andare. "Assistiamo sicuramente una discriminazione – ha riferito al The Guardian -. I rom non sono ammessi in altri punti di accoglienza, nessuno vuole offrire loro un tetto. Chi ha potuto lasciare l'ostello è andato via dalla Polonia, seppure con riluttanza".

In Ucraina vivevano circa 400.000 rom, anche se i numeri non sono precisi e sono probabilmente al ribasso. Fare una stima di quante persone di etnia rom siano arrivate in Polonia dall'Ucraina è attualmente impossibile. In genere si tratta di famiglie molto vaste composte anche da 30 persone. La maggior parte di loro non sa cosa fare una volta lasciato il Paese.

L'assistenza ai profughi rom è stata coordinata quasi interamente da volontari delle ONG. Alcuni rifugiati hanno trovato un alloggio, seppur per breve tempo, grazie a un gruppo Facebook creato da Joanna Talewicz Kwiatkowska, antropologa dell'Università di Varsavia. "Volevamo raccogliere informazioni e offrire supporto a chi aveva bisogno di aiuto. Confidavamo però in un aiuto delle autorità, non pensavamo che il peso delle operazioni sarebbe stato spostato interamente su di noi" ha spiegato Kwiatkowska.

Nel frattempo, l'ostello di Cracovia rischia di chiudere le sue porte dal 15 maggio in poi. Il donatore anonimo che ha affittato la struttura ha dato disponibilità fino a quella data, ma non è chiaro se cercherà di prolungare ancora il periodo di affitto. Le donne ospiti dell'albergo non sanno dove andare e guardano con preoccupazione alla prossima deadline. Senza il supporto del governo, purtroppo, garantire l'ospitalità è impossibile.

Secondo Kwiatkowsa, ai rom è stato negato l'accesso ai trasporti e alle risorse garantite agli altri rifugiati ucraini. "Sono stati cacciati dai punti di accoglienza perché si diceva che rubassero abiti per rivenderli – ha spiegato l'antropologa -. Altri sono stati allontanati anche dagli autobus. Trovare un alloggio è una sfida: chi non vuole persone di etnia rom nella sua auto, sicuramente non vorrà ospitarle a casa propria. I rom sono abituati ad essere discriminati in Ucraina, quello che stanno sperimentando in Polonia è lo stesso trattamento, solo che in questo momento stanno fuggendo da una guerra". Molti hanno rifiutato di spostarsi verso ovest poiché l'intenzione è quella di rimanere vicini all'Ucraina con la speranza di poter tornare presto a casa".

236 CONDIVISIONI
Quanti profughi ucraini ci sono nei centri di accoglienza straordinaria in Italia
Quanti profughi ucraini ci sono nei centri di accoglienza straordinaria in Italia
Missile colpisce un centro commerciale nel centro dell'Ucraina
Missile colpisce un centro commerciale nel centro dell'Ucraina
1.808 di askanews
Ucraina, missili su centro commerciale: edificio in fiamme. Zelensky:
Ucraina, missili su centro commerciale: edificio in fiamme. Zelensky: "Numero imprecisato di morti"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni