103 CONDIVISIONI
Texas, 18enne spara in una scuola elementare a Uvalde
8 Giugno 2022
16:22

“Ho fatto del mio meglio”: il dolore del prof che ha visto morire 11 studenti nella strage di Uvalde

Il racconto drammatico di Arnulfo Reyes, maestro della scuola di Uvalde in Texas, dove lo scorso 24 maggio sono morti in una sparatoria 11 dei suoi studenti: “Ai genitori voglio dire che mi dispiace. Ho fatto del mio meglio. Le leggi sulle armi devono cambiare”.
A cura di Ida Artiaco
103 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Texas, 18enne spara in una scuola elementare a Uvalde

Arnulfo Reyes stava tenendo una lezione nella sua classe di quarta elementare a Uvalde, in Texas, quando un uomo armato, il 18enne Salvador Rolando Ramos, ha fatto irruzione nell'edificio uccidendo, tra gli altri, 11 dei suoi alunni. Tra i testimoni oculari della strage che si è consumata lo scorso 24 maggio in Texas, il maestro, che svolge questa professione da ben 17 anni, è stato intervistato nelle scorse ore da Good Morning America per raccontare cosa è successo quel giorno che ha indignato il mondo intero.

"Era una giornata come le altre – ha ricordato – abbiamo fatto colazione tutti insieme. I bambini erano eccitati perché quella mattina c'era una cerimonia di premiazione a scuola e alcuni studenti che non avevano ricevuto premi per tutto l'anno ne avrebbero finalmente avuto uno". Mentre alcuni dei bimbi sono tornati a casa dopo l'evento, 11 di loro sono rimasti in aula per la visione di un film. Quando ha sentito i primi spari, Reyes ha detto di aver seguito il protocollo e ha ordinato ai bambini di mettersi sotto il tavolo e di comportarsi come se stessero dormendo. Ma è stato proprio in quel momento che ha visto avvicinarsi il killer.

Ramos è entrato nella stanza 111 attraverso una porta comunicante dall'aula 112 e ha aperto il fuoco. Il maestro è stato colpito al braccio, ai polmoni e alla schiena. Quando è caduto a terra, Reyes ha detto di aver seguito lo stesso consiglio che aveva dato ai suoi ragazzi: fingere di dormire. Poi gli spari sono continuati fin quando il 18enne non è stato neutralizzato, circa un'ora dopo. Per questo il maestro si è scagliato contro la polizia: "Non li perdonerò mai per quello che hanno fatto". C'erano 11 studenti nella sua classe quando l'uomo armato è entrato uccidendoli tutti. Nell'intervista andata in onda sulla tv a stelle e strisce, Reyes ha pianto per i suoi studenti e ha chiesto perdono alle loro famiglie: "Ai genitori voglio dire che mi dispiace. Ho fatto del mio meglio, quello che mi è stato detto di fare. Per favore, non siate arrabbiati con me. È successo tutto troppo in fretta. Niente ti prepara per questo. Possiamo dare ai nostri figli tutta la formazione che vogliamo, ma le leggi sulle armi devono cambiare".

E ora vuole che il sacrificio dei suoi studenti non resti invano. "L'unica cosa che so è che non lascerò che questi bambini e i miei colleghi siano morti inutilmente. Andrò ovunque, fino alla fine del mondo, per non lasciare che i miei studenti muoiano invano. Non se lo meritavano: nessuno al mondo merita questo tipo di dolore".

103 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni