1.532 CONDIVISIONI
Talebani a Kabul: le ultime news sull'Afghanistan
9 Settembre 2021
19:11

Giornalisti picchiati con fruste e cavi elettrici dai telebani: filmavano protesta di donne a Kabul

Sono almeno 14 i giornalisti arrestati e poi rilasciati dai talebani nel corso delle proteste scoppiate a Kabul all’indomani dell’annuncio del nuovo governo ad interim. Due di loro, reporter del quotidiano locale Etilaat Roz, Taki Daryabi, 22 anni e Nematullah Naqdi, 28, sono stati fermati e poi picchiati con cavi elettrici e fruste per aver documentato una delle manifestazioni organizzate dalle donne: “Pensavamo ci avrebbero ucciso”.
A cura di Ida Artiaco
1.532 CONDIVISIONI
Immagine da Twitter (@Etilaatroz).
Immagine da Twitter (@Etilaatroz).
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Talebani a Kabul: le ultime news sull'Afghanistan

Arrestati e picchiati con cavi elettrici e fruste per aver documentato la protesta di un gruppo di donne contro il regime a Kabul. È successo a due giornalisti del quotidiano locale Etilaat Roz, Taki Daryabi, 22 anni e Nematullah Naqdi, 28, che hanno mostrato sui social i lividi e le contusioni lasciate dagli strumenti con cui sono stati colpiti. I due stavano seguendo una manifestazione di donne in un quartiere a sud della Capitale afghana quando sono stati fermati e portati in una stazione di polizia, dove dicono di essere stati picchiati con manganelli, cavi elettrici e fruste. Poche ore dopo, soni stati rilasciati dagli stessi talebani, senza spiegazioni.

Nematullah Naqdi ha raccontato all'agenzia di stampa AFP che i combattenti talebani hanno cercato di portargli via la macchina fotografica non appena ha iniziato a scattare fotografie della protesta. "Uno di loro mi ha messo un piede sulla testa, mi ha schiacciato la faccia contro il cemento. Mi hanno preso a calci in testa… pensavo che mi avrebbero ucciso", ha sottolineato. Alla domanda: "Perché mi state facendo questo?", avrebbero risposto: "Sei fortunato a non essere stato decapitato". Daryabi ha invece detto di essere stato picchiato fino a perdere i sensi. "Gridavamo che siamo giornalisti. Ma a loro non importava", ha continuato Naqdi. "Continuavano a ridicolizzarci, chiedendoci se li stessimo filmando". Un video pubblicato su Twitter mostra Daryabi incapace di camminare da solo mentre è trascinato da due suoi colleghi dopo essere stato rilasciato.

Insieme a loro è stato trattenuto in custodia anche un produttore di Euronews. Ma non si tratta di casi isolati. La stessa sorte è toccata a cinque cameraman della BBC e nei giorni scorsi anche ad un giornalista di ToloNews. In totale, secondo CPJ, un'organizzazione internazionale non governativa, almeno 14 giornalisti sono stati arrestati e poi rilasciati negli ultimi due giorni dai talebani.

Le proteste sono scoppiate all'indomani dell'annuncio dei talebani di aver creato un governo ad interim composto esclusivamente dai sostenitori del gruppo, tutti uomini, senza donne o ex personaggi politici, e poche minoranze. Il ministero degli affari femminili, che esisteva dalla fine del 2001, dopo che i talebani furono cacciati dal potere da un'invasione guidata dagli Stati Uniti, sembra ora non sia stato confermato. Una mossa, questa, che ha fatto infuriare molti di coloro che hanno protestato. Tuttavia, lo stesso governo ha subito messo in chiaro che partecipare e documentare le proteste è illegale senza il permesso delle autorità.

1.532 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni