559 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
14 Aprile 2022
10:06

Elicotteri, artiglieria e veicoli corazzati, le armi sempre più potenti degli Usa all’Ucraina

“Questo nuovo pacchetto di aiuti include artiglieria, mezzi corazzati ed elicotteri”, ha detto Biden. Ecco l’elenco di tutti le armi fornite a Kiev.
A cura di Antonio Palma
559 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Altri droni Switchblade, i cosiddetti "droni kamikaze" e altri missili Javelin anticarro ma nel pacchetto di armi che gli Stati Uniti hanno finanziato e si preparano a inviare in Ucraina ci sono però anche armi ancora più potenti come pezzi di artiglieria e relative munizione e addirittura elicotteri. A darne notizia è stato lo stesso Pentagono dopo che il Presidente Usa Joe Biden ha annunciato in un ulteriore stanziamento da 800 milioni di dollari in assistenza militare all'Ucraina. Si tratta certamente di un ulteriore passo avanti nell’impegno Usa con l’Ucraina e una escalation nel riarmo ucraino in vista di dell’attacco russo previsto nell'Ucraina orientale per la conquista del Donbass.

Gli Usa inviano in Ucraina gli elicotteri destinati all’Afghanistan

Nel settimo stanziamento di attrezzatura militare per l'Ucraina, disposto dal Dipartimento della Difesa statunitense, sono previste consegne di armi già ampiamente fornite dal Pentagono a Kiev, come appunto altre 300 Switchblade, i cosiddetti "droni kamikaze”, attrezzature mediche, giubbotti antiproiettile, elmetti e altri 500 missili Javelin, usati dagli ucraini con effetti devastanti contro i carri armati russi. Questa volta però al pacchetto di aiuti militari si sono aggiunte armi molto più potenti come 18 obici da 155 mm e relativi 40.000 proiettili di artiglieria, 100 veicoli corazzati multiuso Humvee, 200 mezzi corazzati per il trasporto truppe M113 e infine 11 elicotteri Mi-17. Si tratta di elicotteri di fabbricazione sovietica che Washington avrebbe dovuto consegnare all’esercito dell’Afghanistan, piano poi andato in fumo quando i talebani hanno preso il potere.

Zelensky a Biden: "Ci servono carri armati"

Nel pacchetto, precisa il Pentagono, sono inclusi anche dieci sistemi radar di sorveglianza aerea AN/TPQ-36, due radar AN/MPQ-64 Sentinel, mine anti-uomo Claymore M18A1 esplosivi C-4 e attrezzature da demolizione oltre a 2.000 ottiche e telemetri laser. Nel briefing di ieri il portavoce del Pentagono ha detto, inoltre, che sono stati inviati in Ucraina anche "dispositivi di protezione individuale contro armi chimiche". “Sosteniamo il coraggioso popolo ucraino nella sua lotta per la libertà. A tal fine, questo ultimo pacchetto di supporto contiene molti dei sistemi d'arma altamente efficaci che abbiamo già fornito insieme a nuovi armi fondamentali” ha spiegato il segretario alla difesa Lloyd J. Austin. Secondo Biden, oltre al trasferimento di armi dagli arsenali del Pentagono, gli Stati Uniti stanno negoziando con gli alleati anche per inviare una significativa assistenza militare all'Ucraina. In una conversazione telefonica tra i presidenti di Usa e Ucraina, i due leader hanno discusso di sanzioni più severe contro la Russia in relazione ai suoi presunti crimini di guerra in Ucraina ma Volodymyr Zelensky ha ricordato a Joe Biden che l'Ucraina ha bisogno ora di armi più pesanti, tra cui artiglieria, carri armati, sistemi di difesa aerea e aerei da combattimento, per respingere l'aggressione russa.

559 CONDIVISIONI
2814 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni