493 CONDIVISIONI
Covid 19
11 Novembre 2021
09:57

Covid Germania, 50mila nuovi casi in 24 ore: record da inizio pandemia, verso nuove restrizioni

Nuovo record di contagiCovid in Germania: secondo i dati dell’Rki, ieri sono stati registrati oltre 50mila nuovi casi e 235 morti, con il tasso di incidenza che è arrivato a quota 249 casi ogni 100mila abitanti. Boom di infezioni tra i minori di 15 anni. Oggi i partiti della coalizione del semaforo verde presentano al Bundestag il progetto di legge di gestione della pandemia, mentre a livello regionale si procede con nuove restrizioni.
A cura di Ida Artiaco
493 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Nuovo record di contagi Covid in Germania. Secondo i dati del Robert Kock Institut, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 50.196 nuovi casi, mai così tanti dall'inizio della pandemia per il quarto giorno consecutivo, oltre ad altri 235 decessi, che porta il totale delle vittime a quota 97.198. Gli esperti hanno riportato anche un aumento del tasso di incidenza, che è passato da 232 casi ogni 100mila abitanti a 249 in una sola giornata. Per avere un'idea del significato di questi numeri basti pensare che il record precedente, sempre per quanto riguarda l'incidenza, è stato raggiunto al culmine della seconda ondata il 22 dicembre 2020 con 197,6 casi. Tuttavia, grazie anche alla percentuale di vaccinati abbastanza alta soprattutto tra le persone fragili, il sistema ospedaliero regge. Sempre secondo l'Rki l'incidenza del numero di pazienti ricoverati per Coronavirus ogni 100mila abitanti è pari a 4,61. Il massimo precedente era di circa 15,5 a Natale dello scorso anno.

L’andamento dei casi a livello regionale secondo l’Rki.
L’andamento dei casi a livello regionale secondo l’Rki.

Ed intanto i partiti politici del cosiddetto semaforo verde, cioè Spd, Fdp e Verdi, la coalizione che sta cercando di formare il nuovo governo, sono al lavoro per cercare di fermare la quarta ondata di infezioni. Lunedì scorso è stato presentato un progetto di legge che consentirebbe di mantenere l'uso obbligatorio delle mascherine e il distanziamento nei luoghi pubblici almeno fino al prossimo marzo, documento che dovrebbe essere presentato oggi al Bundestag e votato in una sessione speciale la settimana prossima. L'intenzione è quella di intervenire il prima possibile per evitare un ulteriore peggioramento della situazione. Il socialdemocratico Olaf Scholz, futuro cancelliere, parlando al Bundestag ha detto che "la Germania deve essere attrezzata e messa al sicuro per l'inverno". Già ieri il virologo dello Charité di Berlino, Christian Drosten, aveva avvertito: "Il Paese si trova in una vera emergenza. Se non si agisce subito potremmo arrivare ad avere altri 100mila morti. E la previsione è cauta". Secondo l'esperto, si dovrebbe da un lato accelerare con la somministrazioni dei vaccini, che procede ancora a rilento, avendo raggiunto "solo" il 66% della popolazione vaccinabile, al di sotto della media dei paesi dell'Europa occidentale, ma anche con misure di "limitazione dei contatti".

E mentre a livello nazionale la discussione sul da farsi è in corso, a livello regionale i governatori sono già corsi ai ripari. La Baviera, ad esempio, è tornata a dichiarare lo stato di emergenza "a partire dall'11 novembre a causa della preoccupante situazione dell'epidemia covid-19": lo ha annunciato la cancelleria bavarese a Monaco, anche perché l'occupazione dei posti letto sta salendo a grande velocità "in particolare i posti in terapia intensiva occupati da pazienti covid", si legge sempre nel comunicato della cancelleria bavarese. In Sassonia, dove si registra l'incidenza più alta, è stato dato l'ok alla regole del 2G, cioè alla possibilità di far accedere ad una serie di luoghi e attività solo vaccinati o guariti da almeno sei mesi come in Austria, e lo stesso è stato deciso a Berlino. Molte delle nuove restrizioni riguardano anche le scuole, tra test e mascherine obbligatorie, anche perché è proprio tra i più giovani che il virus si sta diffondendo rapidamente. Oggi 11.091 dei 50.196 nuovi casi riportati sono tra minori di 15 anni.

493 CONDIVISIONI
31047 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni