Conflitto in Ucraina
2 Marzo 2022
17:20

Come l’Unione Europea vuole colpire il patrimonio dell’uomo più ricco di Russia

Tra gli obiettivo delle sanzioni dell’Unione Europea c’è anche l’uomo più ricco della Russia Alexei Mordashov: il suo patrimonio è stimato a 29,1 miliardi di dollari e gran parte dei suoi investimenti sono nell’agenzia di viaggi londinese Tui.
A cura di Giorgia Venturini
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Nel mirino delle sanzioni dell'Unione Europea c'è anche l'uomo più ricco della Russia. Ovvero l'oligarca da investimenti da capogiro Alexei Mordashov. Sull'imprenditore 56enne l'Ue ha espresso lunedì tutte le sue preoccupazioni tanto da inserirlo nell'elenco delle persone o compagnie soggette a sanzioni. Perché? I vertici europei sostengono che Mordashov ha un forte interesse finanziario nella Rossiya Bank, ovvero la "banca personale" di alti funzionari russi che hanno beneficiato dell'annessione alla Crimea. E non solo, un ruolo importante l'oligarca lo ha avuto anche nei media: ha contribuito alla destabilizzazione dell'Ucraina finanziando le stazioni televisive filo-russe.

Gli investimenti nella compagnia di viaggi londinese

Ora i suoi affari in Europa rischiano di essere azzerati dopo la decisione dell'Unione Europa: gran parte dei suoi investimenti sono concentrati nella compagnia di viaggi Tui risollevando il turismo internazionale proprio quando era in ginocchio dalla pandemia. Come riporta il The Guardian, Mordashov possiede un terzo del più grande tour operator d'Europa essendo così il suo maggior azionista unico. Ora per la società l'ingresso dell'oligarca potrebbe non essere più un vantaggio: il rischio è proprio che con le nuove sanzioni europee, attivare per fermare la guerra in Ucraina, le azioni quotate a Londra abbiano una forte calo. Sebbene infatti Mordashov non sia stato sanzionato nel Regno Unito, è certo che i suoi interessi commerciali in Europa saranno ora gravemente ridotti. Intanto in queste ore il boss di Tui, Fritz Joussen, ha fatto rassicurato il personale e i clienti dell'agenzia di viaggi: "Il signor Mordashov è azionista di Tui da circa 15 anni e ha detenuto circa un terzo della nostra azienda da quando l'ha sostenuta durante la crisi della corona", ha scritto Joussen in una nota personale sottolineando come Mordashov non sia un problema per l'azienda. E poi ha aggiunto: "La nostra azienda è gestita dal consiglio di amministrazione, come qualsiasi società per azioni tedesca, e non dagli azionisti o dal consiglio di sorveglianza. Partiamo quindi dal presupposto che qualsiasi restrizione o sanzione nei confronti di Mordashov non avrà conseguenze negative durature per noi come azienda".

Mordashov azionista della più grande azienda siderurgica russa

Nel 2021 l'imprenditore è stato ritenuto il 51esimo uomo più ricco al mondo con un patrimonio stimato a 29,1 miliardi di dollari grazie anche al fatto che Mordashov è l'azionista di maggioranza di Severstal, la più grande azienda siderurgica russa. La stessa azienda impegnata della produzione di attrezzature per la difesa russa, tra cui anche i veicoli corazzati. Dove sia l'oligarca in questo momento di preciso non si sa. Il suo jet privato è stato rintracciato la scorsa settimana in viaggio dalle Seychelles a Mosca: impossibile capire però chi ci fosse a bordo. Il viaggio verso la capitale russa potrebbe essere giustificato dal fatto che il presidente Vladimir Putin lo scorso giovedì ha invitato alcuni degli uomini d'affari più importanti della Russia a un incontro al Cremlino. Poi però il jet di Mordashov ha fatto ritorno alle Seychelles, lontano dai bombardamenti in Ucraina.

2824 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni