3.972 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Novembre 2021
10:20

Come funziona il lockdown dei no vax in Austria

Come funziona il lockdown light e selettivo che comincia da domani, lunedì 8 novembre, in Austria? Ai non vaccinati sarà vietato l’accesso a ristoranti, hotel, movida, sport ed eventi culturali secondo la cosiddetta regola delle 2G (Geimpfte und Genesene, letteralmente “vaccinati e guariti”). Unica eccezione restano i luoghi di lavoro, dove sarà possibile accedere anche con tampone negativo. Dall’Italia Abrignani (Cts) definisce il provvedimento “importante”.
A cura di Ida Artiaco
3.972 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Da domani, lunedì 8 novembre, in Austria ai non vaccinati sarà vietato l'ingresso in ristoranti e centri della cura della persona, così come l'accesso a movida, sport, hotel, eventi culturali e altre iniziative di tempo libero. Lo hanno ribattezzato "lockdown light" e selettivo, deciso dal governo per fermare la nuova ondata della pandemia di Covid-19 che sta travolgendo il Paese e il suo sistema ospedaliero. "Quando saliamo in macchina ci mettiamo la cintura di sicurezza, il vaccino anti Covid è la nostra cintura", aveva spiegato il cancelliere Alexander Schallenberg dopo una riunione tenutasi venerdì scorso con le amministrazioni regionali per stabilire il da farsi. E alla fine ha prevalso la regola delle 2G (Geimpfte und Genesene), letteralmente "vaccinati e guariti", cioè i soggetti che potranno continuare a svolgere una serie di attività senza restrizioni. "La situazione è grave – ha scritto il cancelliere su Twitter -. È nostra responsabilità proteggere le persone in Austria. Rispondiamo a questa responsabilità. Per questo stiamo accelerando il piano sviluppato con i governatori locali. Da lunedì al via il 2G".

Cosa succede sui luoghi di lavoro

Unica eccezione saranno i luoghi di lavoro: i no vax, infatti, potranno accedervi ma solo se in possesso di un tampone negativo. Inoltre, è stato anche stabilito l'obbligo di mascherina Ffp2 all’interno di negozi, musei e biblioteche. Per il momento il lockdown selettivo avrà una durata di un mese nella speranza che nel frattempo i dati epidemiologici migliorino e la campagna vaccinale riprenda vigore. Solo ieri sono stati registrati 9.943 nuovi casi di Covid-19, mai così tanti dal 13 novembre 2020, quando era stato segnato il precedente record di 9586 contagi in 24 ore. Ma i primi effetti già si vedono: come riporta il quotidiano tedesco Spiegel nel Paese, dove fino a qualche giorno fa solo il 64% della popolazione risultava completamente immunizzato, al di sotto della media europea del 67%, sono aumentate le file davanti ai centri vaccinali. Secondo lo studio ORF di Vienna, sabato all'Austria Center Vienna ci sono stati tempi di attesa fino a un'ora e mezza per ricevere l'inoculazione, e lo stesso è successo a Salisburgo.

Abrignani (Cts): "Scelta dell'Austria importante"

Intanto, anche il resto d'Europa, dove le infezioni da Coronavirus stanno aumentando, guarda all'Austria e alla sua decisione di emanare restrizioni solo per i non vaccinati. Tra questi c'è anche l'Italia, con Sergio Abrignani, immunologo e membro del Comitato Tecnico Scientifico che ha definito questa scelta radicale "importante. Bisogna capire che ci si vaccina anche per non infettare i luoghi di socialità e di lavoro", ha detto in una intervista a La Stampa. Ed anche gli esperti non chiudono ad una possibilità simile. Per l'infettivologo Matteo Bassetti dell'Università di Genova "se i casi dovessero continuare a crescere e le vaccinazioni invece si dovessero fermare ai numeri attuali, ovvero inferiori a quelli che ci servono per arrivare al 90% della copertura velocemente, concordo sulle restrizioni per i non vaccinati per accelerare le immunizzazioni", mentre per il virogolo Fabrizio Pregliasco "sembra un'opzione possibile e interessante che abbassa il livello di rischio nei contatti interumani".

3.972 CONDIVISIONI
28307 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni