125 CONDIVISIONI
Conflitto Israelo-Palestinese

“Ci siamo svegliati con il suono delle sirene e siamo corsi nei rifugi”, il racconto a Fanpage.it da Tel Aviv

“Siamo di fronte ad un evento senza precedenti, finirà sui libri di storia” ci racconta Daniele Moscati, italo israeliano che da 20 anni vive a Tel Aviv con la sua famiglia. Sabato è stato svegliato dal suono delle sirene antimissili.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Simona Berterame
125 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto Israelo-Palestinese

"Sabato mattina ci siamo svegliati con il suono delle sirene che ci avvertivano di metterci a riparo all'interno dei rifugi". Daniele Moscati, CEO del Jewish Economic Forum, vive da 20 anni in Israele e più precisamente a Tel Aviv. Il suono allarmante che avvisa i residenti di mettersi al riparo non è una novità per lui e la sua famiglia "ma stavolta – ci spiega – è stato diverso. Solitamente nella zona del centro di Israele, si arriva ad allarmi e a lanci di missili dopo che magari c'è stata un'escalation di violenza, stavolta invece siamo stati svegliati di soprassalto e tutto è accaduto all'improvviso".

La fuga nei rifugi

Terminato l'allarme, Daniele è tornato a casa e in quel momento, attraverso le testimonianze di amici e dalle notizie in tv, si è reso conto di cosa stava accadendo. "Abbiamo passato la giornata incollati alla televisione, solo la sera sono risuonate le sirene un'altra volta e siamo corsi nei rifugi, come è accaduto oggi (ieri ndr.) pomeriggio". Daniele ci tiene a sottolineare l'eccezionalità di quanto sta avvenendo in questi giorni, ovvero da quando sono iniziati gli attacchi di Hamas a Israele. "Un messaggio che è importantissimo da passare è che siamo di fronte ad un evento senza precedenti. Siamo di fronte ad un momento che andrà nei libri di storia, perché quello che è stato fatto è qualcosa di che va al di fuori di qualsiasi parametro ed equilibrio che era fino a venerdì".

Le ultime notizie

Sirene di allarme continuano a  suonare in Israele per il lancio di missili di Hamas mentre a Gaza bombardamenti israeliani continuano senza sosta. Israele ha dichiarato lo "stato di guerra" e ordinato l'assedio totale della striscia di Gaza interrompendo il passaggio delle forniture di corrente, acqua e cibo. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che l'azione militare contro Gaza è appena iniziata e che Israele utilizzerà "una forza enorme". Hamas minaccia di uccidere gli ostaggi e i prigionieri. “Ogni attacco contro la nostra popolazione senza preavviso verrà risolto con l’esecuzione di uno degli ostaggi civili”, hanno affermato in un comunicato le Brigate Ezzedine al-Qassam, il braccio armato di Hamas.

125 CONDIVISIONI
612 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views