173 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

“Non ci aspettavamo un crollo simile di Israele”: persino Hamas è stupita del successo del suo attacco

Ali Barakeh, alto funzionario di Hamas in esilio a Beirut, ha raccontato in una intervista all’AP cosa c’è dietro l’attacco di sabato contro Israele: “Siamo rimasti sorpresi da questo grande crollo. Ci siamo preparati bene per la guerra e per affrontare tutti gli scenari”.
A cura di Ida Artiaco
173 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Ci siamo preparati bene per questa guerra e per affrontare tutti gli scenari, anche quello di una guerra lunga". A parlare è Ali Barakeh, alto funzionario di Hamas in esilio a Beirut, che in una intervista all'Associated Press ha raccontato cosa c'è dietro l'attacco di sabato scorso contro Israele.

Barakeh, che è stato per anni rappresentante di Hamas in Libano, ora è incaricato di coordinare le altre fazioni palestinesi. Secondo quanto rivelato all'agenzia di stampa, solo un piccolo numero di alti comandanti a Gaza era a conoscenza dell’incursione su vasta scala lanciata in Israele, ma che alleati come l’Iran e gli Hezbollah libanesi, del cui aiuto non si sono avvalsi in fase di preparazione dell'aggressione, "si uniranno alla battaglia se Gaza sarà sottoposta ad una guerra di annientamento".

Immagine

L’attacco di sabato, che è stato pianificato circa un anno fa, ha colto completamente di sorpresa i servizi militari e di intelligence israeliani, mentre centinaia di uomini armati di Hamas si sono riversati in diverse città, uccidendo centinaia di soldati e civili e catturandone decine di altri.

Barakeh ha aggiunto anche che Hamas è rimasto scioccato dalla portata dell’operazione, soprannominata Alluvione Al-Aqsa Storm, affermando che si aspettava che Israele prevenisse o comunque limitasse l'attacco. "Siamo rimasti sorpresi da questo grande crollo – sono state le parole di Barakeh -. Questo esercito si è dimostrato una tigre di carta".

Israele, intanto, ha dichiarato guerra totale e ha promesso di punire Hamas. La mobilitazione di 300mila riservisti israeliani ha aumentato la prospettiva di un’invasione di terra o addirittura di una rioccupazione di Gaza. L'esercito israeliano afferma di aver già ucciso centinaia di militanti e bombardato numerosi obiettivi di Hamas. Ma Barakeh dal canto suo ha risposto che Hamas finora ha impiegato solo un piccolo numero delle proprie forze: circa duemila combattenti hanno preso parte agli ultimi scontri, su un esercito di 40mila nella sola Gaza.

Immagine

Barakeh ha concluso affermando che il gruppo utilizzerà le decine di israeliani catturati nel raid per garantire il rilascio di tutti gli arabi detenuti nelle carceri israeliane e persino di alcuni palestinesi imprigionati negli Stati Uniti con l’accusa di finanziare Hamas. "Ci sono palestinesi detenuti in America. Chiederemo il loro rilascio", ha detto, senza specificare a chi si riferisse.

173 CONDIVISIONI
752 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views