Il Centro di ricerca e studi dell'Università di San Paolo e Conectas Human Rights, una delle organizzazioni più rispettate in America Latina, hanno affermato in un'edizione speciale della newsletter chiamata Rights in the pandemic che il Presidente Bolsonaro avrebbe diffuso il virus di proposito.

Il Brasile è uno dei paesi più colpiti dal Covid-19 e a differenza di altre nazioni, non avrebbe ancora una campagna di vaccinazione con un programma affidabili. Secondo il report, non è possibile misurare quanti degli oltre 212 mila morti si sarebbero potuti evitare se il governo di Bolsonaro avesse realizzato un programma di prevenzioni. "Molte persone avrebbero ancora le loro madri, padri, fratelli e figli se ci fosse stato un progetto istituzionale", scrive la newsletter."I risultati fanno capire che il governo ha diffuso scientemente il virus nel territorio nazionale con l'obiettivo di riprendere l'attività economica il prima possibile e a qualsiasi prezzo". Lo studio è coordinato da Deisy Ventura, uno degli avvocati più in vista del Brasile che ha indagato sul rapporto tra pandemie e diritto internazionale, Fernando Aith, professore del Dipartimento politica, gestione e salute della Facoltà di sanità pubblica dell'USP, Camila Lissa Asano, coordinatrice del programma per Conectas Human Right e Rossana Rocha Reis, professore presso il Dipartimento di Scienze Politiche e l'Istituto di Relazioni internazionali dell'Usp.

Sono tre gli assi temporali analizzati: da marzo 2020 ai primi 16 giorni di gennaio. Sono stati presi in esame gli atti normativi del governo federale, le risposte dei governi municipali alla pandemia e la propaganda contro la salute pubblica, definita come "discorso politico che diffonde notizie false e informazioni tecniche e non scientificamente provate. La pubblicazione è frutto di una selezione dei dati più rilevanti per l'analisi. Google è stato utilizzato per raccogliere video, pubblicazioni sui social e le notizie riportate dai media. "La maggior parte dei decessi poteva essere prevenuta con una strategia di contenimento delle malattie – continua il report – e costituisce una violazione senza precedenti del diritto alla vita e del diritto alla salute".

Il report fa anche un focus sulle minoranze che l'operato di Bolsonaro ha maggiormente compromesso. "Alle popolazioni indigene nega anche l'acqua potabile – spiega il report -. Ma in generale i lavoratori non hanno potuto munirsi di protezioni per proteggersi dal Covid e isolarsi. Gli operatori sanitari disabili a seguito delle loro azioni per contenere la pandemia non possono accedere a un risarcimento economico. Si incoraggia quindi l'omissione". Trattenendo le risorse stanziate per il Covid, il governo danneggia l'assistenza ai malati nei sistemi sanitari pubblici statali e municipali. La guerra contro governatori e sindaci che cercano di attuare le misure per la prevenzione è costante, secondo quanto riportato.