Il Brasile ha superato la Russia per numero di casi da Covid 19: dopo aver registrato 20.803 nuove infezioni in un giorno, è diventato il secondo Paese al mondo più colpito dalla pandemia. Il numero di infetti nello Stato sudamericano ha raggiunto 330.890, posizionandosi solo dietro gli USA, che ha oltre 1,5 milioni di infezioni. Tutto ciò mentre si moltiplicano le fosse comuni in tutto il Paese. Le ultime strazianti immagini mostrano una fila dopo l'altra di tombe scoperte pronte a seppellire le vittime dai Covid-19 nel cimitero di Formosa alla periferia di San Paolo, la città più colpita del Brasile. "Stiamo perdendo la battaglia contro il virus, questa è la realtà", ha detto a Reuters Dimas Covas, direttore del centro di emergenza Covid-19 di San Paolo.

La situazione in Brasile

Il numero totale di decessi da Coronavirus in Brasile è ora di 21.116, secondo il Ministero della Salute. Tuttavia, è probabile che la cifra reale sia assai più elevata, in quanto la massima economia dell'America Latina è stata molto lenta nell’accelerare i test. Il presidente Jair Bolsonaro ha sempre manifestato la propria opposizione alle misure di lockdown e ha suggerito che i farmaci antimalarici come la clorochina possono combattere il virus. Il farmaco è stato sostenuto anche dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump – che ha ammesso di prenderlo una volta al giorno già da una settimana – per quanto non esista alcuna evidenza scientifica sull’effettiva efficacia nel trattamento da Covid-19. Da parte sua Bolsonaro, ha puntato il dito contro i membri senior della polizia federale. "Ho cercato di cambiare ufficialmente i nostri addetti alla sicurezza a Rio de Janeiro e non ci sono riuscito. È finita. Non aspetterò che la mia famiglia o i miei amici vengano imbrogliati” ha detto, secondo la BBC. "Se non si può cambiare il funzionario delle forze dell'ordine, si cambia il capo. Se non il suo capo, allora il ministro".

Caos politico, Bolsonaro nei guai

E di Ministri della Salute il Brasile ne ha già cambiati due dall’inizio dell’epidemia. Il secondo a perdere  (volontariamente) il posto in un mese è stato un oncologo di 63 anni, Nelson Teich, che al momento dell’insediamento aveva giurato "sintonia totale" con le idee di Bolsonaro.  Davanti all’ultima pretesa del “Trump dei tropici”, Teich si è rifiutato di dare l’okay alla clorochina e si è dimesso. Come il suo predecessore Luiz Henrique Mandetta. Emblematiche le parole del senatore brasiliano Humberto Costa, ministro della sanità durante la presidenza di Luiz Inácio Lula da Silva: "Il governo non sta esercitando il ruolo di leader politico che unisce il Brasile in questa lotta. Sta sabotando la politica di distanziamento sociale e sta persino vendendo l'idea di una medicina miracolosa per risolvere questo problema, tutto ciò non corrisponde alla realtà".