Il sostenitore di Donald Trump che dopo l'incursione al Campidoglio del 6 gennaio era stato fotografato seduto alla scrivania della presidente della Camera Usa Nancy Pelosi è stato arrestato e accusato di tre reati federali compreso il furto di proprietà pubblica: lo hanno detto oggi funzionari federali citati dalla CNN. L'immagine dell'uomo sessantenne seduto trionfante con un piede sul tavolo, diventata un simbolo delle violenze che hanno scosso il Paese, aveva fatto il giro del mondo.

I funzionari federali hanno fatto sapere che Richard Barnett dell'Arkansas è stato arrestato venerdì mattina a Little Rock. "Barnett è stato accusato di entrare e rimanere consapevolmente in un terreno edificabile limitato senza autorità, ingresso violento e comportamento disordinato nei terreni del Campidoglio e furto di proprietà pubblica", hanno detto i funzionari.

"Anche se avete lasciato Washington potete ancora attendervi che qualcuno bussi alla vostra porta", ha affermato l'Fbi. In un video pubblicato da un giornalista del New York Times durante gli scontri a Capitol Hill, Barnett si vanta di aver preso una busta personalizzata, ma ha assicurato di non averla rubata. "Ho lasciato un quarto di dollaro sulla sua scrivania", ha aggiunto.

Barnett ha anche raccontato di aver bussato educatamente alla porta dell'ufficio, ma di essere poi stato trascinato dentro da altri violenti che avevano violato il Campidoglio.

Anche un residente dell'Alabama è stato accusato per una bomba a tubo trovata sul lato Sud dell'edificio del Campidoglio, 11 bottiglie molotov e un'arma in stile militare trovate nel suo camioncino. In tutto quindici persone sono state incriminate a livello federale per gli scontri al Congresso. "L'FBI non sta risparmiando risorse in questa indagine", ha detto Steven D'Antuono, assistente direttore dell'ufficio di Charge Washington.