190 CONDIVISIONI
Talebani a Kabul: le ultime news sull'Afghanistan
8 Ottobre 2021
15:26

Afghanistan, kamikaze in una moschea sciita a Kunduz: 80 morti e oltre cento feriti

Non si fermano gli attacchi dell’Isis contro la popolazione civile in Afghanistan che si sono intensificati dalla presa del potere dei Taliban nel Paese mediorientale. Solo cinque giorni fa, un altro attentato aveva colpito una moschea di Kabul durante i funerali della madre del portavoce dei talebani, Zabihulla Mujaid.
A cura di Biagio Chiariello
190 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Talebani a Kabul: le ultime news sull'Afghanistan

80 morti e 107 feriti, un bilancio drammatico e purtroppo ancora provvisorio quello dell'attacco suicida in una moschea sciita di Kunduz, in Afghanistan. L'Isis ha poi rivendicato l'eccidio. I numeri sono riferiti dal corrispondente di al Jazeera. L'esplosione si è verificata nel corso delle preghiere del venerdì. Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha riferito che la moschea sciita era l'obiettivo e che un "gran numero" di fedeli è rimasto ucciso o ferito. L’esponente Taliban ha aggiunto che un’unità speciale è stata inviata sulla scena dell’attentato per poter indagare. Conferme arrivano anche dal portavoce del ministero dell'Interno, Qari Sayed Khosti, all'Afp, senza dare ulteriori dettagli. Le immagini che sono circolate su Twitter mostrano dei corpi stesi sul pavimento della moschea e diverse pozze di sangue.

La strage segue diversi altri attacchi – incluso uno in una moschea di Kabul – poi rivendicati o attribuiti allo stesso Stato Islamico, intenzionato a indebolire la leadership degli Studenti coranici e destabilizzare ulteriormente la situazione. Nessuno ha rivendicato l'attentato ma il Daesh si è macchiato di simili massacri in passato. Centinaia di persone si sono radunate fuori dagli ospedali, chiedendo notizie dei parenti.

L'attentato arriva a pochi giorni di distanza da quello del 3 ottobre, in quell'occasione erano morte altre 12 persone in un attacco nella moschea Eid Gah a Kabul, poco distante dal palazzo presidenziale. L'obiettivo era proprio il portavoce dei talebani, Zabihulla Mujaid, che in quel momento era nella moschea per il funerali di sua madre. In quell’occasione, i talebani avevano reagito immediatamente, con un blitz notturno contro un presunto covo dell’Isis Khorasan a Kabul.

190 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni