Immagine da Twitter.
in foto: Immagine da Twitter.

Incidente aereo in Afghanistan. Un velivolo militare statunitense è precipitato nel distretto di Deh Yak, nella provincia orientale di Ghazni, attualmente sotto il controllo dei talebani. Secondo un portavoce della provincia citato dai media locali, dopo essersi schiantata al suolo, la vettura ha poi preso fuoco a causa di problemi tecnici. Dopo l'allarme, le forze speciali afghane si sono dirette sul luogo della tragedia. I talebani avevano subito riferito in un comunicato che l'aereo caduto oggi nella provincia afghana di Ghazni è un velivolo militare americano. "Un aereo dell'intelligence del nemico è precipitato nell'area di Sado Khelo del distretto di Deh Yak, causando la morte di tutto l'equipaggio e di membri di alto livello della Cia. Il relitto e i corpi si trovano sul luogo dell'incidente", si legge infatti nel comunicato degli insorti che controllano quell'area.

In serata infine è arrivata la conferma da fonti militari Usa. Si tratta di un velivolo militare usato per le comunicazioni, un Bombardier E-11A . "Sembra che abbiamo perso un aereo. Non conosciamo le condizioni dell'equipaggio", ha dichiarato il comandante dell'aviazione militare statunitense, il generale David Goldfein. Il comando delle forze statunitensi in Afghanistan però smentisce che l'aereo caduto sia stato abbattuto dai talebani. "Non ci sono indicazioni che l'incidente sia stato causato da fuoco nemico" ha spiegato il colonnello Sonny Leggett, portavoce militare degli Stati Uniti, assicurando che "anche le dichiarazioni dei talebani su altri aerei che si sono schiantati sono false".

Inizialmente, come riporta la Bbc, era stato riferito che l'aereo appartenesse alla Ariana Afghan Airlines, che ha però negato di essere la compagnia che operava il volo. "Si è verificato un incidente aereo ma non appartiene ad Ariana perché i due voli gestiti da noi e in programma da Herat a Kabul e da Herat a Delhi sono sicuri", ha detto l'amministratore delegato Mirwais Mirzakwal alla Reuters. Al momento però resta il mistero sul numero delle vittime. Fonti locali divono che nessuno dei passeggeri a bordo sarebbe sopravvissuto. Inizialmente si parlava di 83 persone, numero poi diminuito a 15. Arif Noori, portavoce del governatore della provincia, ha dichiarato che l'incidente è stato talmente violento che al momento risulta difficile persino identificare i corpi all'interno del relitto. Si attendono, pertanto, conferme sui dati e il bilancio delle vittime.

In aggiornamento.